Schianto in moto sul cartello stradale, in ospedale con codice rosso

L'incidente nel pomeriggio su via Roggerone. Un 34enne di Lecce ha riportato lesioni, fra cui una frattura esposta a una gamba

LECCE – Ha perso il controllo della moto, una Kawasaki, andando a schiantarsi contro un cartello stradale che indica la presenza di un percorso cicloturistico e ora, L.T., 34enne di Lecce, si trova in ospedale con diverse lesioni, fra cui una frattura scomposta a una gamba. Non corre rischi per la vita, ma l’impatto è stato molto violento e ne avrà per diverso tempo.

L’incidente è avvenuto poco prima delle 16 su via Roggerone, non lontano da località Masseria Solicara-Gelsi e dal Parco Rauccio, quindi in una zona di aperta campagna piuttosto lontana dalla città. L’uomo, per cause in fase d’accertamento (non sono rimasti coinvolti altri mezzi), in prossimità di una strada interpoderale, è caduto malamente. Il palo del cartello, per l’impatto, si è piegato alla base.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul posto sono stati chiamati a intervenire gli operatori del 118 che, a causa delle ferite, l’hanno trasportato in codice rosso presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Per i rilievi, ultimati verso le 18, sono intervenuti gli agenti di polizia locale.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Cede il ponte, travolto da un'auto: 18enne con grave ferita a una gamba

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Esce in bici e poi telefona alla famiglia: "Mi sono perso". Ore di ansia per un 80enne

Torna su
LeccePrima è in caricamento