Ragazza investita, furgone inseguito. Il conducente: "Non ho sentito nulla"

Una ragazza di Leverano ferita, ma non grave. Le urla hanno attirato alcuni cittadini che hanno visto un Daily allontanarsi. L'uomo è stato poi richiamato indietro. Per le ricostruzioni, i carabinieri

Foto di William Tarantino.

LEVERANO – Quando hanno sentito le urla provenire dalla strada, a decine si sono riversati su via Cesarea, trafficata arteria che corre fin nel cuore di Leverano. Erano da poco trascorse le 20 di ieri sera e diversi clienti che si trovavano in una rosticceria, uscendo, hanno notato una ragazza per terra, ferita. Poco più avanti, un furgone Daily Iveco. Si stava allontanando, anche se a velocità ridotta. Qualcuno l’ha inseguito, urlando, intimando di fermarsi. Alla guida c’era un anziano. Il conducente, a quel punto, s’è bloccato, ed è tornato indietro. Per capire cosa stesse accadendo, perché lo richiamassero.

Nell’arco di pochi minuti, tutta la zona si è riempita di cittadini. “Hai investito la ragazza”, gli hanno fatto notare. Lui, sostiene di non aver visto, sentito, notato nulla. L’uomo, 80enne del posto, al momento non sa dire se effettivamente abbia provocato l’impatto, ed è quanto ha ripetuto anche ai carabinieri della stazione leveranese, arrivati di lì a poco, insieme alla polizia locale e a un’ambulanza del 118 di Copertino.

Trasportata in ospedale, non grave

La ragazza, 15enne, che abita nelle vicinanze del luogo dell’incidente, è stata trasportata d’urgenza in ospedale, al pronto soccorso del “Vito Fazzi” di Lecce. Per fortuna, in tarda serata è stata dimessa, dopo tutte le analisi e gli accertamenti del caso. Nessuna lesione interna, se l’è cavata con una prognosi di quindici giorni per le escoriazioni riportate.

Intanto, gli accertamenti vanno avanti. Al momento non ci sono provvedimenti particolari. Dato che la prognosi non supera i canonici ventuno giorni per avviare un’inchiesta d’ufficio, si procederà casomai su denuncia di parte. Potrebbe comunque essere in atto una valutazione per un’ipotetica omissione di soccorso, ma sarà eventualmente la magistratura a decidere, sulla scorta dei rilievi dei carabinieri. I quali, fra l’altro, hanno acquisito alcune videocamere di sorveglianza di un vicino negozio di giocattoli, tanto più che non ci sarebbero nemmeno testimonianze visive dirette dello scontro.

Acquisite alcune videoregistrazioni

Nemmeno nelle registrazioni, però, si noterebbe l’impatto. Ma questo per il semplice motivo che il raggio d’azione dell’occhio elettronico non è così esteso da raggiungere quel punto preciso. Tuttavia, si vedrebbe il furgone transitare attorno alle 20,10, in corrispondenza dell’orario dell’investimento, avvenuto qualche istante dopo. Il che renderebbe più che plausibile che proprio il furgone abbia travolto – o comunque toccato, facendola cadere malamente per terra - la 15enne, all'altezza di alcune strisce pedonali. Ma se lo scontro non è stato tanto violento da lasciare ammaccature, è credibile anche che il conducente possa davvero non essersi accorto di nulla.    

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento