Il mezzo del 115 si ribalta sulla statale 274: due i feriti, caccia alla Bmw pirata

L’incidente si è verificato nel pomeriggio, nei pressi dello svincolo per Taviano. Sul posto, gli operatori del 118: i feriti trasportati a Gallipoli

Foto di repertorio.

TAVIANO – Paura sulla strada statale 274: in un incidente, si ribalta la Land Rover del 115. Due i pompieri feriti, accompagnati presso l’ospedale “Sacro Cuore di Gesù” di Gallipoli e poi dimessi in serata. Il mezzo dei pompieri si è infatti rovesciato, per motivi che dovranno essere accertati in un secondo momento, mentre viaggiava sull’arteria principale, all’altezza del territorio di Taviano. Da una prima ricostruzione, il mezzo sarebbe stato tamponato ocn violenza da una Bmw Z4, di colore nero, poi fuggita senza prestare soccorso.

Il veicolo è ora ricercato, ma non avendo il numero di targa, non è stato ancora rintracciato.  Immediati i soccorsi prestati dapprima dai passanti, poi dagli operatori del 118. Non si sono fortunatamente verificate gravi conseguenze: i due pompieri hanno riportato lesioni apparentemente innocue, che sono state medicate sul posto e poi dal personale medico del nosocomio gallipolino.

Il punto in cui si è verificato il sinistro - per poter eseguire i rilievi e accertare la dinamica dell’accaduto - è stato raggiunto dai carabinieri della compagnia locale e della stazione di Taviano. I militari dell'Arma astanno lavorando incessantemente, per intercettare l'automobilista pirata.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

Torna su
LeccePrima è in caricamento