Ragazza morta sbalzata dallo scooter: 14enne indagato per omicidio stradale

L’adolescente accusato in concorso di omissione di soccorso, ora risponderà anche di un altro reato. Lunedì l’autopsia

La Procura dei minori di Lecce.

CAVALLINO – In attesa dell’autopsia sul corpo di Elisa Bascià - la 22enne deceduta nelle ultime ore a seguito delle gravi ferite al fegato - il 14enne cavallinese alla guida della citycar in quel tragico incidente è stato intanto iscritto nel registro degli indagati anche per omicidio stradale. L'accusa è relativa al sinistro avvenuto poco prima dell’alba di domenica, a Castromediano. Oltre all'omissione di soccorso, della quale risponde in concorso con un altro coetaneo che gli viaggiava accanto, l’adolescente è ora indagato per il presunto reato ancora più grave.

Lunedì prossimo, come disposto dal pubblico ministero della Procura della Repubblica dei minori di Lecce, Anna Carbonara, sarà effettuato l’esame autoptico sul corpo della giovane di Cavallino, che si trovava alla guida dello scooter, in compagnia di una 17enne, al momento del tremendo impatto con l’altro mezzo. L’incarico per l’accertamento clinico è stato conferito al medico legale Roberto Vaglio che stabilirà la natura delle lesioni e da quale tipo di trauma e impatto siano state determinate, per poi rivelarsi fatali.

Sono inoltre in corso ulteriori accertamenti per chiarire i numerosi aspetti ancora oscuri. La stessa dinamica dell’incidente, nonostante le numerose videocamere di sorveglianza installate lungo via Leuca, appare ancora complessa e poco lineare. Durante i vari sopralluoghi da parte dei carabinieri della stazione di Cavallino, assieme ai colleghi di San Cesario di Lecce, non è stato escluso che possa essere stato il mezzo a due ruote a collidere con la microcar. Ma l’indagine è ancora in alto mare e si ricorrerà alle perizie su entrambi i veicoli per cercare tutte le risposte: i mezzi, nelle ore successive al drammatico episodio, sono stati infatti posti sotto sequestro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento