Provoca un incidente con donna ferita e fugge: rintracciato e denunciato

E' successo a Copertino. Nei guai è finito un 28enne. Risponde anche di ricettazione. L'Ape aveva il numero di telaio abraso

COPERTINO I carabinieri della tenenza di Copertino, al termine i indagini, hanno denunciato per lesioni personali,  omissione di soccorso e ricettazione D.M., 28enne del posto. Stando a quanto accertato, il 28enne, alla guida di motocarro Ape Piaggio 600, peraltro con numero di telaio abraso, dopo un incidente stradale avvenuto su via Galatina con un’Opel Corsa condotta da una donna 40 copertinese, si è allontanato in maniera precipitosa,  senza prestare assistenza.

Assistenza l'ha invece - ovviamente - fornita il 118. Gli operatori l’hanno trasportata in ospedale, al “San Giuseppe da Copertino”. Ha riportato ferite al torace, con una prognosi di venti giorni. Sulle tracce del motocarro si sono posti i carabinieri che, in breve, l’hanno rintracciato presso l’abitazione dei genitori de 28enne. La donna, dopo le cure del caso, si è poi presentata presso la tenenza, per quale ha formalizzato una denuncia per lesioni personali colpose.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • settimana

    Un 54enne muore poco dopo il ricovero: i parenti sporgono denuncia

  • Politica

    No Tap contestano Barbara Lezzi. La replica: "Ho la coscienza pulita"

  • Politica

    Comparto olivicolo in crisi: il ministro Lezzi apre all'ipotesi di un commissario

  • Politica

    Congedo archivia le trattative con Poli Bortone e punta a cavalcare l’onda

I più letti della settimana

  • Tragico schianto nei pressi della “curva della morte”: perde la vita un 36enne

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Va a prendere il figlio maggiore e scopre che l'altro è chiuso nello scuolabus

  • Truffe ad Inps anche coi bonus "Renzi": indagati due professionisti

  • Si schianta sul muro e finisce in prognosi riservata: era ubriaca

  • Un 54enne muore poco dopo il ricovero: i parenti sporgono denuncia

Torna su
LeccePrima è in caricamento