Auto fuori strada, schianto contro un palo: tre giovani in ospedale

E' successo questa mattina sulla strada che collega Morciano di Leuca alla marina di San Gregorio. Trenta giorni la prognosi maggiore. La Stilo distrutta

SAN GREGORIO – Tre giovani sulla trentina d'anni sono rimasti feriti, questa mattina, in un incidente avvenuto sulla strada provinciale 192 che collega Morciano di Leuca a San Gregorio, marina di Patù. Il più grave, d'orgine albanmese e residente a Gallipoli, che era alla conduzione dell’auto, ha avuto una prognosi di trenta giorni ed è stato trasportato in codice rosso in ospedale. Codici gialli, invece, per gli altri due, giovani di Presicce, entrambi già dimessi con prognosi di otto e quindici giorni.

Inizialmente si erano temute condizioni anche peggiori, considerando la dinamica del sinistro e le condizioni stesse dell’autovettura, una Fiat Stilo, con il cofano rientrato a causa dell’impatto con un palo. Il fatto si è verificato attorno alle 7,20 del mattino. Per cause in fase d’accertamento da parte dei carabinieri della stazione di Castrignano del Capo, la Stilo è uscita fuori strada, con una collisione particolarmente violenta con il pilone.

I feriti sono stati trasportati negli ospedali di Casarano e Scorrano. Sul posto è stato necessario anche l’intervento di una squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Tricase perché sulla strada si erano dispersi carburante e olio, perdite che avrebbero potuto generare ulteriori pericoli.   

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

Torna su
LeccePrima è in caricamento