Incontro sull’Università islamica. Il rettore Zara attende un progetto dettagliato

Faccia a faccia esplorativo con Giampiero Khaled Paladini, che aveva richiesto l'incontro. Il magnifico non chiude le porte all'idea di una collaborazione con il centro accademico proposto dalla Confederazione delle imprese del Mediterraneo

Al centro il rettore Vincenzo Zara.

LECCE – Università islamica, primo round. Il rettore Vincenzo Zara e Giampiero Khaled Paladini si sono incontrati oggi. Un confronto esplorativo, “di ascolto”, come definito nelle nota stampa diramata dall’istituzione accademica, al quale ne seguirà un secondo. A condizione, però, che il presidente di Confime (Confederazione delle imprese del Mediterraneo) sia in grado di presentare un “progetto dettagliato e informazioni precise sugli interlocutori”.

Insomma, l’Università del Salento non chiude le porte all’idea di una collaborazione con l’imprenditore che vorrebbe realizzare un’accademia pubblica, aperta a tutti, ma di impronta islamica grazie ai suoi buoni uffici con un fondo caritatevole del Qatar e con l’eventuale coinvolgimento di altri paesi del mondo arabo che producono petrolio. Sarebbe infatti l’oro nero, con i proventi ricavati da una sorta di dote iniziale, a garantire la sostenibilità economica dell’operazione che potrebbe aprire interessanti prospettive – e qui la saldatura con l’ateneo leccese – per quanto riguarda l’apertura della facoltà di Agraria, invocata da più parti, o di centri di ricerca.

Proprio nei giorni scorsi il senato accademico ha congelato l’ipotesi della nuova facoltà in mancanza di adeguati fondi. Ma intorno alla possibilità di realizzare un’università islamica è in corso un acceso dibattito: le forze politiche cittadine sono per la maggior parte scettiche e comunque sensibili al timore di una parte della cittadinanza che un’istituzione di stampo musulmano possa favorire una sorta di colonizzazione culturale o, peggio ancora, di una via preferenziale per il proliferare del radicalismo religioso. E’ stato lo stesso Paladini, in una recente conferenza, a tranquillizzare gli animi illustrando i presupposti del progetto finalizzato a creare un luogo di eccellenza nella formazione e di dialogo interreligioso. E in quest’ottica ha annunciato un incontro anche con l’arcivescovo di Lecce, Domenico D’Ambrosio. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Perfettamente in sintonia con Ivano, e' bene pensarci molto bene e valutare tutte le conseguenze anche sociali a medio e lungo termine.

  • se l'università islamica prevedeva l'acquisto del lecce con "islamica" profusione di euro da buttare nel pallone oggi saremmo a migliaia di commenti favorevoli si di cittadini e sia di politici nostrani.

  • Se vogliono aprire apriranno, c'è la nostra costituzione che tutela tutti, anche quelli come te, chi dovrà vigilare vigilerà, come vigilano su di te.

  • Come al solito per qualcuno anche mettere solo in dubbio progetti di integrazione e multicultura e' segno di imbecillità. Io credo invece che l'atteggiamento del rettore sia sensato, e' necessario capire MOLTO BENE cosa si intende fare e cosa si farà al di là dei soliti proclami sulla bontà dell'iniziativa ( avete mai visto un venditore dire che la propria merce e' avariata?)

  • Facciamo come gli struzzi che nascondono la testa sotto la sabbia. .....tanto il mondo continua a girare, anzi ci distacca sempre di più. Non vedere in iniziative del genere progetti di convivenza ma sopratutto di sviluppo economico sociale è da ghettizzati di casa pound e della loro presunta superiorità di razza, argomento ahimè fallito e pure miseramente soltanto qualche decennio fa. Ma la storia come ben sappiamo è fatta per essere studiata ma soprattutto per essere ripercorsa in maniera errata dagli imbecilli dei successivi anni.

  • A casa nostra proprio no!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Precipita dal tetto del capannone che voleva comprare, muore sul colpo

  • Cronaca

    Ingegnere morì cadendo dal solaio, “sconto” in Appello per Adelchi e Luca Sergio

  • Attualità

    Il presidente sul terminale del gasdotto: "Il governo imponga decreto per la Seveso"

  • Cronaca

    Ore d'ansia per una famiglia: si cerca un 78enne scomparso a Lecce

I più letti della settimana

  • Fa un incidente e chiede aiuto: il "soccorritore" tenta di stuprarla

  • Brucia e crolla capannone della ditta edile. Si temono danni per la salute

  • Vigilante si uccide con una pistola: secondo suicidio simile in poche ore

  • Misteriosa “rapina” a un corriere, scoperto l’autore: è la stessa vittima

  • Brillantante servito invece di acqua, ispezioni di Nas e Asl nel bar

  • Precipita dal quarto piano del tribunale: grave un praticante avvocato salentino

Torna su
LeccePrima è in caricamento