Tumori in aumento: i dati anomali della Grecìa Salentina. Alla ricerca delle cause

In un incontro pubblico promosso dal Centro Servizi Volontariato Salento, si discuterà domani a Sternatia dell'incidenza di alcune gravi patologie nei comuni dell'area. I dati sono stati reperiti con molta difficoltà dal registro regionale

Un carabiniere del Noe appone i sigilli ad una discarica.

STERNATIA – Il binomio tra salute e ambiente ancora al centro del percorso intrapreso dal Centro Servizi Volontariato Salento (Csv Salento), da Forum Terzo settore e da diverse amministrazioni comunali. Domani è previsto un incontro alle 20.15 a Sternatia, in piazza Umberto I, per analizzare la possibile correlazione tra inquinamento e patologie tumorali.

Ci sono infatti dei dati a dir poco allarmanti, e nello specifico per la zona della Grecìa Salentina. Sebbene non esistano studi sistematici e definiti, sono stai incrociati da Csvs e da Eurispes alcuni dati messi a disposizione dal Registro regionale dei tumori. Le risultanze tratte nel 2011 su un periodo di osservazione di 20 anni, mostrerebbero un incremento dei tumori ai polmoni del 30 per cento rispetto al dato atteso. Cinque comuni del comprensorio – Melpignano, Zollino, Castrignano dei Greci, Cutrofiano, Sternatia – farebbero registrare addirittura una media del 73 per cento superiore a quella stimata.

Nella nota stampa di presentazione dell’incontro di domani, si legge che per le donne, seppure facendo riferimento a dati esigui, si mette in evidenza il 100 per cento in più di Zollino, il 47 per cento di Sternatia. Ma anche i tumori alla vescica destano allarme, con il picco del + 79 per cento nei maschi a Zollino, il + 235 per cento nelle femmine a Melpignano, il + 143 per cento nelle femmine a Cutrofiano, sempre in riferimento al dato atteso. Infine per i tumori al sistema emolinfopoietico (linfomi non-Hodgkin, la malattia di Hodgkin e il complesso di tutte le leucemie) spicca il dato di Soleto con un più 88 per cento nelle femmine.

“Si tratta di capire ora quali sono le cause di questi tumori – ha commenta Luigi Russo, presidente del Csv Salento che ha raccolto la sollecitazione delle associazioni del luogo e di tanti cittadini allarmati – e quali correlazioni si possono individuare rispetto agli inquinanti presenti nell’aria, nel suolo e nel sottosuolo. A Sternatia si aprirà un Cantiere al quale saranno chiamati a partecipare prima di tutto i cittadini, i diretti interessati alle malattie, poi anche le autorità e gli scienziati. Come al solito, il cantiere resterà aperto finché non ci saranno segnali di chiara soluzione dei problemi. L’evento civico vuole rappresentare proprio questo, un punto di partenza e confronto aperto ad enti e cittadini per rintracciare soluzioni ai problemi tramite la via maestra della condivisione delle opinioni, delle esperienze e del dibattito”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • Le cause sono sicuramente nell'aria inquinata se si parla di tumore ai polmoni,lo strato di atmosfera che ci mantiene i vita sarà speso si e no 5000 metri se per esempio alzate il naso al cielo vi accorgerete che ogni 5 min. ci passa sulla testa un aereo di linea che lascia una scia che di certo non vi sono vitamine,in più prendi i venti dell'ilva di cerano e delle discariche e i conti tornano:aumentano i tumori;i bla bla bla lasciateli ai politici!

    • caro emanuele sono tante gocce messe insieme che formano l'oceano,magari in altre zone dove passano gli aerei non hanno l'ilva e cerano.....e poi i tumori polmonari purtroppo sono diffusi in tutto il pianeta, è l'aumento in percentuale che ci allarma proprio perchè magari possiamo fare qualcosa per prevenire il male e abbassare le percentuali o portarle al minimo fisiologico per cui tutti sappiamo che un tumore può essere anche la naturale manifestazione dell'inesorabile vecchiaia.Se però il male colpisce persone giovani allora c'è d'allarmarsi e da indagare!!!

    • Il problema è che l'aumento di tumori lo si ha nel salento e gli aerei passano un pò dappertutto, quindi cercherei altrove non credi?

    • concordo pienamente con socrate e la pura e semplice verita nessuno ne parla di queste verita perche l ilva gia naviga nelle sue acque cerano troppi interessi le linee aeree purtroppo il 97 % delle persone non si rende nemmeno conto di quanto inquinamento rilasciano sulle nostre teste.

      • le cause sono anche virus...predisposizione genica...malattie polmonari....

  • Si cercano le cause………………… Si cercano le cause…… VERGOGNATEVI POLITICI. E' da più di qualche anno che è stato denunciato l'aumento esponenziale di tumori nel Salento. E' un'ecatombe che non risparmia nessuna fascia d'età. Troppe discariche degli "amici" e dunque mal controllate, troppi i venti che spostano nubi tossiche da Cerano e dall'Ilva, per non parlare delle piogge acide e delle falde inquinate dalle stesse acque piovane contaminate e da discariche sotterranee di rifiuti tossici interrati clandestinamente. Dove cresce la frutta e la verdura che mangiamo? Tutti prodotti genuini e locali…..vero? Alla ricerca delle cause…… Dovrebbero ricercare la scia di denaro che fa tenere cucite le bocche e inebria le coscienze di chi magari fa nutrire anche i propri figli dei prodotti genuini di questa terra. Che SCHIFO !!!!

    • Hai scritto un post lungo e corale, ma bastava la terza e l'ultima riga per spiegare il concetto.

      • manuela, cocncordo con te...ma basta parlare solo di Politici come se fossero una entita' atratta lontana da me e da te.... forse politici (nel senso di coloro che si occupano della res publica) dovremmo esserlo anche io e te....un politico puo' alimentare favoritismi...a a favore di chi? magari di un "non politico"?

  • Abbiamo un grosso problema noi umani. Anzichè andare direttamente al problema cerchiamo la soluzione alternativa. ;Mi spiego meglio. Se è accertato che le polveri di cementifici e fabbriche di metalli in genere (ad es. Taranto) perchè non chiuderle che si fa prima? no, la risposta la cerchiamo nella medicina, con farmaci antitumorali (che non si sa quanto siano efficaci) e fare il gioco delle multinazionali. Cinquant'anni fa non si moriva con questa rapidità e facilità, si moriva di vecchiaia e raramente di tumore. Capite quanto siamo stupidi fin nel midollo?

    • Il Lussemburgo è disseminato di stabilimenti siderurgici, eppure non si muore più del solito . La soluzione non è chiudere le fabbriche , ma costringerle a rispettare le leggi in ambito ambientale .A costo di confiscarle se è necessario

    • gli abitanti del Luogo dovrebb prendere delle iniziative serie (raccolta di firme,proteste di piazza,ecc)senza gettare la spugna. Vedrete che il tempo vi dara' ragione

  • Trovatele nella discarica di Cavallino le cause....

  • Volponi la Salute e' come la Vita: e' sacra

  • Evviva le fabbriche di cemento!!!

    • Quelle di alluminio ti piacciono? Vai a vefere gli agrumi della zona intorno ad una fabbrica e ti renderai conto dei danni che quella fabbrica produce.Ma quella fabbrica appartiene ad un ex onorevole del partito dei due forni.Ragion per cui e'meglio tenerselo buono ha un cognato consigliere regionale ed e la seconda ragione per la quale conviene star zitti.Blasi solo la OLSA vedeva ed adesso la TAP.Altro scempio sotto il tappeto.Bravo Blasi,gli amici non sitoccano!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intonano cori da stadio a Pescara, leccesi aggrediti. Uno accoltellato

  • Cronaca

    Attacco allo stand della Lega nella piazza, ragazza contusa

  • Politica

    Scintille in centro: solidarietà dalla sinistra, parole dure dalla destra

  • Politica

    Pizzarotti, il dissidente del M5S che ha conquistato Parma punta sull'Europa

I più letti della settimana

  • Oltre 1 chilo di cocaina, arrestato il fratello del boss del clan "Vernel"

  • Assalto al furgone portavalori partito da Lecce: esplosi colpi di Kalashnikov

  • Far West vicino alla banca: spari in aria, rapinati 35mila euro

  • Perde il controllo, schianto sul muro: muore un uomo di 58 anni

  • Ruba un'automobile e raggiunge la marina, ma si trova davanti i carabinieri

  • Malore improvviso, cameriere cade e batte la testa: in codice rosso

Torna su
LeccePrima è in caricamento