Indagine su nomina direttore di Cardiochirurgia al Fazzi, chiesta archiviazione

Nessun illecito nell'iter adottato per il prestigioso incarico. Questo l'esito dell'inchiesta della Procura di Lecce

LECCE – Nessun illecito nell’iter adottato per la nomina del direttore del reparto di Cardiochirurgia dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. La Procura del capoluogo salentino ha chiesto l’archiviazione del procedimento. Questo l’esito della delicata inchiesta affidata agli uomini della sezione di polizia giudiziaria della guardia di finanza di Lecce, guidati dal colonnello Francesco Mazzotta.

Le fiamme gialle hanno eseguito un decreto di sequestro emesso dal pubblico ministero Elsa Valeria Mignone, e proceduto all’acquisizione della delibera di nomina del direttore del reparto di Cardiochirurgia e di tutta la documentazione presentata dagli aspiranti ai fini della valutazione della nomina. Si tratta dei medici Giovanni Casali (cardiochirurgo con coordinamento dell’emergenza cardiochirurgica dell’Azienda Ospedaliera “San Camillo Forlanini” di Roma), Giampiero Esposito (responsabile dell’unità operativa di Cardiochirurgia presso l’Humanitas-Gavazzeni di Bergamo) e Gabriele Giunti (del reparto di Cardiochirurgia dell'Ospedale Careggi di Firenze).

I tre nominativi erano stati scelti a dicembre del 2014 da una commissione presieduta  da Ottavio Narracci (all’epoca direttore sanitario della Asl di Lecce) e dai componenti Lucia Torraca (primario di Cardiochirurgia dell’Aou “Ospedali Riuniti” Ancona) e da Francesco Patanè (primario di Cardiochirurgia dell’Ao “Ospedali Riuniti Papardo-Piemonte” Messina). In seguito era stato il direttore generale dell’Asl Silvana Melli, secondo prassi, a nominare con una delibera il neo primario: Giovanni Casali.

I tre nominativi erano stati scelti a dicembre del 2014 da una commissione presieduta  da Ottavio Narracci (all’epoca direttore sanitario della Asl di Lecce) e dai componenti Lucia Torraca (primario di Cardiochirurgia dell’Aou “Ospedali Riuniti” Ancona) e da Francesco Patanè (primario di Cardiochirurgia dell’Ao “Ospedali Riuniti Papardo-Piemonte” Messina). In seguito era stato il direttore generale dell’Asl Silvana Melli, secondo prassi, a nominare con una delibera il neo primario: Giovanni Casali.

L’indagine condotta dal colonello Mazzotta e coordinata dalla magistratura, dopo l’esposto presentato da uno dei candidati esclusi, ha stabilito che la procedura era corretta. Il fascicolo era stato aperto a carico di ignoti con le ipotesi di reato di falso e abuso d’ufficio. Tutta la documentazione sequestrata è stata analizzata e sottoposta a riscontri. Ora sarà il gip a pronunciarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

Torna su
LeccePrima è in caricamento