Indagini su Antonio Fitto, disposta perizia sui testamenti della ricca zia

Saranno le verifiche grafologiche disposte dalla Procura a stabilire l’autenticità dei due documenti per i quali sono indagati l’ex sindaco di Maglie, il figlio e un altro parente

MAGLIE – La firma sui testamenti con i quali la zia lasciava una ricca eredità era autentica? A stabilirlo sarà la perizia grafologica disposta questa mattina dal pubblico ministero Donatina Buffelli nell’ambito dell’inchiesta che vede indagati per falso l’ex sindaco di Maglie Antonio Fitto, il figlio Felice e un altro familiare Domenico Guglielmi, residente a Chieti.

Agli accertamenti che saranno svolti entro 90 giorni (a partire dal 5 febbraio) dall’ingegnere Antonio Schirinzi, parteciperanno anche i consulenti nominati dalle parti: Sergio Frontini per Antonio Fitto, Vittoria Zecca per Guglielmi e Maurizio Scalese per il fratello di Antonio, Raffaele. E’ stato proprio quest’ultimo, con la sua querela, a mettere sotto la lente della Procura i due testamenti di Luigia Fitto (uno porta la data del 7 ottobre 2015 e l’altro del 9 maggio 2009) deceduta l’11 maggio 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli indagati sono difesi dagli avvocati Francesco Vergine e Salvatore Nisi, mentre la persona offesa è assistita dall’avvocato Ladislao Massari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpo alla Scu: droga ed estorsioni. Scatta il blitz, dieci arresti

  • Accoltella la madre e poi si lancia nel vuoto: tragedia in una famiglia salentina

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

  • Rintracciata a Ostia: il 30 giugno, dopo cena, era uscita senza fare rientro

Torna su
LeccePrima è in caricamento