“È stato un incidente nel deposito”: giunge in ospedale con ferite da scoppio

Un 46enne di Galatone, nel tardo pomeriggio di domenica, accompagnato dalla moglie a Lecce, a seguito del ferimento dovuto a un’esplosione di materiale elettrico

Foto di repertorio.

GALATONE – Ancora poco chiara la dinamica dell’incidente nel quale, nel pomeriggio di ieri, è rimasto ferito un uomo. Intorno alle 19, infatti, un 46enne di Galatone è stato accompagnato dalla propria moglie presso l’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, con alcune lesioni causate da uno scoppio. Le ferite, sul volto e in testa, sarebbero compatibili con l’esplosione di una batteria o comunque del materiale elettrico.

Il fatto si è verificato in un deposito di proprietà dell’uomo, adiacente alla sua abitazione, in contrada Toffo. Lo scoppio è stato udito dalla coniuge che si è immediatamente recata nel magazzino. Accompagnato in pronto soccorso, è stato medicato dal personale sanitario, senza gravi conseguenze.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sul luogo dell’episodio sono intanto accorsi i carabinieri della stazione di Galatone, coordinati dalla compagnia di Gallipoli. I militari ascolteranno il ferito, per accertare quanto accaduto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Positiva prima di un day service ambulatoriale: nuovo caso Covid-19 nel Salento

  • Oltre un chilo di eroina, quasi mezzo di cocaina, tre pistole: in manette 35enne

  • Paura sulla tangenziale: ragazza perde il controllo e finisce sul guardrail

  • Attende una donna conosciuta online, si ritrova i rapinatori in casa: denunce

Torna su
LeccePrima è in caricamento