Tentata estorsione per la palestra, i tre indagati respingono le accuse

Hanno respinto ogni accusa, dinanzi al gip Antonia Martalò, Roberto De Matteis, e i fratelli Andrea e Rossano Marchello, arrestati il 29 dicembre con l'accusa di tentata estorsione in concorso aggravata dalle modalità mafiose

Il centro sportivo di Merine

LECCE - Hanno respinto ogni accusa, nel corso dell'interrogatorio di garanzia dinanzi al gip Antonia Martalò, Roberto Mirko De Matteis, 35 anni, e i fratelli Andrea (31anni) e Rossano Marchello (41), arrestati il 29 dicembre con l'accusa di tentata estorsione in concorso aggravata dalle modalità mafiose. Al centro dell'inchiesta giudiziaria il tentativo dei tre di subentrare a ogni costo nella gestione di un importante centro sportivo all'interno del noto complesso residenziale "I giardini di Athena". Un centro per cui un altro imprenditore locale, Alfredo Corrado, aveva già raggiunto un accordo di massima con l'amministratore della società proprietaria della struttura ricettiva, versando la relativa caparra. Secondo quanto denunciato dall'imprenditore ai carabinieri del nucleo investigativo di Lecce, De Matteis lo avrebbe più volte minacciato e intimidito al fine di costringerlo a recedere dai suoi propositi commerciali. Diversa la tesi degli arrestati, che hanno ammesso dinanzi al gip il loro interesse per il centro sportivo, ma hanno negato di aver mai minacciato, intimidito o fatto pressioni di alcun genere nei confronti della presunta vittima.

Un interesse lecito dunque, gestito secondo le regole delle leggi di mercato. Andrea e Rossano Marchello, infatti, sono entrambi imprenditori (il primo amministratore della Global service Marchello con interessi nell'ambito della gestione di impianti sportivi e il secondo amministratore della sport Security, società di gestione dei servizi alle società sportive, in particolare per la U.S. Lecce), puntavano alla futura gestione della palestra per espandere i loro interessi commerciali.
Diversa la versione di Corrado , che ai militari dell'Arma ha raccontato di come De Matteis, con atteggiamento "sprezzante ed intimidatorio", forte dei suoi legami parentali con noti esponenti della criminalità organizzata locale (si tratta del padre e dello zio, Bruno e Reno De Matteis, nomi storici della frangia leccese della Sacra corona unita e già condannati all'ergastolo per omicidio) lo avesse più volte minacciato di morte. In un'occasione avrebbe detto, in dialetto, la seguente frase: "Se te pigghi sta palestra nu te fazzu fatiare nè quai nè ddhrai", riferendosi con tale affermazione al fatto che, se avesse perseverato nella sua intenzione di assumere la gestione della suddetta attività, non avrebbe più lavorato né a Lecce né a Merine.
Nei prossimi giorni la difesa dei tre arrestati potrebbe depositare istanza di scarcerazione al gip o al Tribunale del riesame.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di lecce
    lecce

    ah finalmente si fa chiarezza.speriamo ke escano presto

    • Avatar anonimo di antonio
      antonio

      Mi sembra tutto assurdo. Comunque, spero anch,io che escano presto. Mi riferisco ai fratelli marchello.

      • Avatar anonimo di lecce
        lecce

        anche io 

Notizie di oggi

  • Sport

    Il Lecce torna a vincere al Via del Mare: doppietta di Lepore e Caturano

  • Politica

    Delli Noci molla gli ormeggi: “Non sono un bussolotto in mano a qualcuno”

  • Gallipoli

    Notte di fuoco tra Gallipoli e Nardò: il bilancio è di sette mezzi distrutti

  • Galatina

    Ladro in manette dopo le urla del proprietario. Anche due 19enni nei guai

I più letti della settimana

  • Sequestro da un milione e 600mila euro: nella mani della Dia patrimonio di Schipa

  • Indagine lampo dopo le tre rapine: blitz a "Panareo", scattano arresti

  • Scontro fra Suv e Ape, 63enne in codice rosso al "Vito Fazzi"

  • Il pigiama prende fuoco per la stufa a gas, ustionato un bimbo di 8 anni

  • Banda scatenata: tre rapine in mezzora a supermercati e farmacia

  • Processo "Eclissi", il collaboratore: "I manifesti elettorali? Un affare del clan"

Torna su
LeccePrima è in caricamento