menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

"Io non ho droga". Ma in cucina c'erano più di 30 grammi di eroina

Giovanni Mezzi, 51enne, arrestato dai carabinieri del nucleo operativo, che lo tenevano sotto osservazione dai giorni. In casa trovati anche 8 grammi di hashish. I militari hanno perlustrato la sua abitazione da cima a fondo

 

SANNICOLA – I carabinieri del nucleo operativo di Gallipoli, nel tardo pomeriggio di ieri, hanno stretto le manette ai polsi di Giovanni Mezzi, 51enne di Sannicola, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. In casa, aveva 32 grammi di eroina pura e 8 di hashish.

I militari, in borghese, nei giorni precedenti, hanno tenuto a lungo sotto osservazione i movimenti di Mezzi e ieri hanno deciso di dare una svolta all’indagine, con un controllo in casa. Appena messo il piede fuori dalla porta, s’è ritrovato gli investigatori addosso che, fermatolo, l’hanno fatto rientrare. I militari sapevano bene cosa cercare, tant’è che l’hanno tempestato di domande a bruciapelo, chiedendogli dove tenesse nascosta la droga, parte della quale sarebbe già stata ceduta nei giorni precedenti ad alcuni tossicodipendenti della zona.

mezzi-2-3Sembra che Mezzi abbia insistito fino all’ultimo, negando di possedere stupefacenti, ma i militari sono andati a fondo nelle ricerche e in un cassetto della stanza da letto hanno trovato un involucro. Dentro, 8 grammi di hashish.

E’ chiaro, però, che l’obiettivo fosse ben altro che qualche grammo di “fumo”, perché la perquisizione è proseguita, fin quando, in un pensile della cucina, non è stata trovata una pietra del peso di 32 grammi di eroina pura, insieme al bilancino di precisione e ad altro materiale per il confezionamento. L’uomo è stato quindi condotto presso gli uffici dell’aliquota operativa della compagnia Gallipolina e, sentito il magistrato di turno, arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Al momento si trova nel carcere di Lecce.

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Incidenti stradali

      Si scontra con la moto sul furgone, muore sul colpo un 46enne

    • Cronaca

      Traffico di droga fra le province di Brindisi e Lecce, quarantotto indagati

    • Incidenti stradali

      Moto da cross sotto un camion, ragazzo in prognosi riservata

    • Sport

      Il Foggia parte a razzo, il Lecce lotta ma non arriva al pareggio

    Torna su