menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ispezione dei finanzieri nel parcheggio del "Panico", difformità e segnalazioni

Al vaglio la posizione della fondazione, ma anche del progettista dei lavori, Antonio Coppola, che è anche sindaco di Tricase

TRICASE – I militari della guardia di finanza della tenenza di Tricase hanno svolto un sopralluogo all’interno del cantiere dove, dall’estate, sono in corso lavori per la realizzazione di un parcheggio che servirà per i dipendenti dell’ospedale locale.

L’area, vasta circa 3mila metri quadrati, è di proprietà della stessa “Pia fondazione di culto e religione Cardinale Panico” che gestisce il nosocomio, da cui non dista molto. L'ente, con fondi propri, ha previso la realizzazione di circa novantacinque posti auto. I finanzieri, però, sembra che abbiano riscontrato alcune difformità, tanto che sono al vaglio le posizioni dello stesso ente, dell’impresa di costruzioni e del progettista e direttore dei lavori, Antonio Giuseppe Coppola, che di Tricase è anche il sindaco.       

Nel più popoloso comune del Capo di Leuca la notizia del sopralluogo, con alcuni sequestri avvenuti nelle scorse ore per presunte differenze rispetto al progetto originario, ha iniziato a circolare presto. La visita dei militari non è passata inosservata, anche se al momento non vi sarebbero notifiche, né è ancora del tutto chiaro quali porzioni di preciso possano essere state soggette a irregolarità formali.

Sembra, però, che in particolare sia finita nel mirino una tettoia a copertura di un piccolo edificio. Infatti, è soprattutto su questo gabbiotto con bagno annesso, progettato per ospitare un eventuale custode, che si sono concentrate le attenzioni dei finanzieri. Stando a quanto appreso, mancherebbe il permesso di costruire, forse perché i lavori avviati in anticipo rispetto alla variante presentata e che a quanto pare godrebbe anche di pareri favorevoli, fra cui quello dell’Asl, ma per la quale non vi sarebbero ancora le firme. E la vicenda, che potrebbe essere risolta già nelle prossime ore sotto il profilo delle sanzioni e delle autorizzazioni, rischia però di sollevare anche più durature polemiche politiche.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Tutta quella struttura con annessa tettoia difforme? L'ho vedi che come accusa non regge!

Più letti della settimana

  • Incidenti stradali

    Moto da cross sotto un camion, ragazzo in prognosi riservata

  • Cronaca

    Mezzo chilo di marijuana e cocaina: di nuovo nei guai tre anni dopo

  • Incidenti stradali

    Muore poche ore dopo l'incidente nel mercoledì nero lungo le strade

  • Cronaca

    Toro scappa da un mattatoio e fa irruzione nella sede di Telerama

Torna su