L'auto si ribalta in curva, 22enne muore tra le lamiere

Tragedia della strada, la scorsa notte, sulla Casarano-Supersano. A perdere la vita Simone Ingrosso, di Supersano, giovane operaio. Rientrava a casa con la sua Punto dopo una serata con gli amici

DSCF0260-2
SUPERSANO - Il nome di un altro giovane salentino si aggiunge alla lunga lista nera delle vittime della strada. Tanti, troppi i giovani che hanno perso la vita negli ultimi mesi. Si chiamava Simone Ingrosso, 22enne di Supersano, l'ultimo ragazzo che non è più tornato a casa. Lavorava come operaio in una ditta edile. Ieri aveva trascorso una serata in compagnia degli amici a Casarano, passata a ridere, a scherzare, a stare in giro fino a tardi come fanno tanti ragazzi della sua età, totalmente ignaro del destino beffardo che di lì a poco lo avrebbe travolto. Erano da poco passate le 3 quando Simone si è messo alla guida della sua Fiat Punto per rientrare a casa. Stava percorrendo la provinciale che collega Casarano a Supersano quando, giunto a metà strada, in prossimità di una curva, il suo cammino si è interrotto, per sempre.

Forse un colpo di sonno, o l'andatura un po' sostenuta, al momento si possono solo fare ipotesi poiché saranno le indagini dei carabinieri della compagnia di Casarano a ricostruire l'esatta dinamica. Il 22enne ha improvvisamente perso il controllo del mezzo, che è finito fuori strada ribaltandosi più volte su se stesso: una scena raccapricciante. Sul posto, allertati da un automobilista di passaggio, sono subito intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Maglie che hanno lavorato a lungo per estrarre il corpo del giovane incastrato nelle lamiere. Inutile l'intervento dei sanitari del 118, Simone purtroppo è morto sul colpo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento