La piscina non è prefabbricata, finisce nei guai la proprietaria del terreno

Le opere non conformi per materiali impiegati e tecniche costruttive. A Salve i forestali hanno denunciato una donna di Perugia

SALVE – Una piscina realizzata in difformità rispetto all’autorizzazione paesaggistica. E scatta la denuncia per B.C., 38enne di Perugia, proprietaria di un terreno nella zona di Salve.

Il controllo nell’entroterra del Capo di Leuca è stata svolto dai carabinieri forestali di Tricase. Durante un sopralluogo, i militari hanno preso atto dell’esistenza di una piscina in muratura di mattoni di cemento e basamento in soletta di cemento armato, in fase abbastanza avanzata di realizzazione.

Gli approfondimenti hanno evidenziato, però, difformità rispetto all’autorizzazione paesaggistica, per una zona dichiarata quale area di notevole interesse pubblico.

Le opere, in particolare, non erano conformi per materiali impiegati e tecniche costruttive. La piscina, infatti, si sarebbe potuta realizzare esclusivamente con una struttura prefabbricata. Questo, a tutela della conservazione del sito paesaggistico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Auto sbanda e si ribalta un paio di volte: in due in prognosi riservata

  • Politica

    Frazione organica, ritiro a singhiozzo: le buste devono essere compostabili

  • Attualità

    De Candia e Leandro, memoria a rischio: le loro opere molto copiate dai falsari

  • Cronaca

    Il nuovo pentito della Scu: “La mia latitanza anche a Porto Cesareo”

I più letti della settimana

  • Finisce con la Porsche nei campi: muore durante il ricovero giovane imprenditore

  • Troppo gravi le ferite, muore in ospedale 25enne ferito in un incidente stradale

  • Sorpassa due auto, poi il frontale con la terza: 30enne in codice rosso

  • Violenta lite in famiglia. Colpisce con un coltello la cognata: arrestato

  • Torna il linguaggio mafioso a Parabita: minacce ai commissari e manifesti funebri al candidato

  • Carne conservata male e lavoratori in nero: maxi multa a un negoziante

Torna su
LeccePrima è in caricamento