La piscina non è prefabbricata, finisce nei guai la proprietaria del terreno

Le opere non conformi per materiali impiegati e tecniche costruttive. A Salve i forestali hanno denunciato una donna di Perugia

SALVE – Una piscina realizzata in difformità rispetto all’autorizzazione paesaggistica. E scatta la denuncia per B.C., 38enne di Perugia, proprietaria di un terreno nella zona di Salve.

Il controllo nell’entroterra del Capo di Leuca è stata svolto dai carabinieri forestali di Tricase. Durante un sopralluogo, i militari hanno preso atto dell’esistenza di una piscina in muratura di mattoni di cemento e basamento in soletta di cemento armato, in fase abbastanza avanzata di realizzazione.

Gli approfondimenti hanno evidenziato, però, difformità rispetto all’autorizzazione paesaggistica, per una zona dichiarata quale area di notevole interesse pubblico.

Le opere, in particolare, non erano conformi per materiali impiegati e tecniche costruttive. La piscina, infatti, si sarebbe potuta realizzare esclusivamente con una struttura prefabbricata. Questo, a tutela della conservazione del sito paesaggistico.

Potrebbe interessarti

  • Allergia al nichel: i sintomi e gli alimenti da evitare

  • I rimedi fai da te contro la micosi alle unghie

  • Fa davvero male dimenticarsi di cambiare le lenzuola?

  • Rimedi contro gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Scontro fra più veicoli sulla statale 274, muore donna travolta da un autocarro

  • Il malore improvviso, la caduta sull'asfalto. E poi arrivano gli angeli del 118

  • Batte con violenza fra collo e schiena sul fondale basso, 22enne in codice rosso

  • Affiancato e minacciato con pistole, costretto a cedere la sua moto

  • "Quell'uomo era morto. Una forza interiore mi ha spinto ad andare avanti"

  • Suv fuori controllo punta su di lei: con istinto felino la donna si mette in salvo

Torna su
LeccePrima è in caricamento