Ladri svuotano una tabaccheria e fuggono a bordo di una Saab rubata

Un finanziere fuori servizio ha scoperto tre malviventi incappucciati ed ha chiesto rinforzi. Un vorticoso giro di chiamate fra centrali del 117, dei carabinieri e della questura. Sul posto è arrivata una volante, ma sono fuggiti

Foto LeccePrima (tutti i diritti riservati).

 

ACAYA (Vernole) – Adocchiati e seguiti da un finanziere fuori servizio, che poi ha chiesto rinforzi, ma quando la pattuglia (della polizia) è giunta sul posto, i ladri erano già fuggiti con una decina di chili di “bionde”. Notte movimentata, nell’entroterra di Vernole, dove una banda composta da tre malviventi è entrata in azione, non sapendo però di essere adocchiata a distanza da un esponente delle forze dell’ordine delle “fiamme gialle”.

Il militare, nel cuore della notte, intorno alle 2,30, ha notato nella piazzetta di Strudà, frazione di Vernole, gli uomini all’intero di una Saab, tutti incappucciati. Ha deciso di seguirli con discrezione a bordo della sua auto, ed il pedinamento è durato per qualche chilometro. La Saab, passando attraverso stradine interne che collegano le varie frazioni, aveva una meta ben precisa: Acaya. Qui, nella piazza principale, dove sorge lo storico castello progettato dall’architetto militare Giangiacomo dell’Acaya, la banda aveva un obiettivo da portare a termine evidentemente già pianificato, quello di saccheggiare la tabaccheria che sorge all’angolo con via Aparo.

Il finanziere, nel frattempo, aveva però già avvisato la sala operativa del 117 per richiedere rinforzi; i finanzieri, non avendo pattuglie disponibili ad un intervento istantaneo, avendo comunque nel frattempo appurato da un controllo sui terminali che l’auto era provento di furto (rubata il giorno prima a San Pancrazio Salentino, in provincia di Brindisi), ha girato la chiamata ai carabinieri; ma anche in quel caso non c’era disponibilità immediata, essendo nello stesso momento in atto un intervento nelle vicinanze per un grave incidente stradale, rilevatosi mortale.

La chiamata è così stata a sua volta smistata alla centrale della questura, che ha inviato una volante. Un vorticoso giro di telefonate durato pochi istanti. Ma quando l’auto della polizia, partita dal capoluogo, è arrivata sul posto, la Saab era ormai sparita. I tre ladri erano riusciti a forzare la saracinesca e a rubare le stecche di sigarette all’interno, di varie marche, per circa dieci chilogrammi. Le indagini sono al momento in corso.    

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Dove c'era il lido, ecco spuntoni e detriti: scattano di nuovo i sigilli

Torna su
LeccePrima è in caricamento