Lasciati in spiaggia per riservarsi il posto: sequestrati 30 ombrelloni

Nello scorso fine settimana controlli serrati della guardia costiera del compartimento marittimo di Gallipoli. Da Torre San Giovanni a Porto Cesareo

Scalo di Furno, una delle località oggetto di intervento (foto di luglio 2019).

GALLIPOLI - Una trentina di ombrelloni lasciati in spiaggia come “segnaposto” sono stati sequestrati nel fine settimana sul litorale ionico dai militari della guardia costiera nel compartimento marittimo di Gallipoli. Si registrano anche sanzioni per diecimila euro e la denuncia di due persone per reati relativi all’occupazione del demanio marittimo.

Il primo intervento è stato quello dei militari dell’ufficio locale marittimo di Torre San Giovanni (Ugento) che hanno sequestrato nella notte tra venerdì e sabato 24 ombrelloni, due sdraio e altrettante sedie, lasciati di sera in tratti di spiaggia libera a Lido Marini, Torre Mozza e Torre San Giovanni.Domenica la guardia costiera di Torre Cesarea, insieme ai carabinieri di Porto Cesareo, ha sequestrato in località Scalo di Furno sei ombrelloni e due sdraio, restituendo alla libera fruizione circa cento metri quadrati di spiaggia.

La maggior parte delle multe elevate sono riconducibili a violazioni di zone interdette alla navigazione e alla sosta, ma anche alla mancanza dei documenti di bordo. Non è mancata la contestazione dell'inosservanza, da parte dei titolari di alcuni stabilimenti balneari, dell’ordinanza sulla sicurezza balneare del 2019.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • I pacchi? In casa della postina infedele. E il figlio scovato con la droga

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

Torna su
LeccePrima è in caricamento