Botte alla moglie e minacce ai poliziotti: "Andate via, non sono fatti vostri"

Arrestato un 29enne dopo una notte folle. Gli agenti hanno insistito per vedere la donna. Ferito anche un vicino di appartamento

Foto di repertorio.

LECCE – “Andatevene, sono questioni personali”. Ma i poliziotti non hanno fatto marcia indietro. Anzi. Hanno chiesto di vedere la moglie. E la reazione finale è stata violenta: calci, pugni, morsi. Alla fine, il giovane, un 29enne di Lecce, è stato arrestato e persino sedato. Era troppo esagitato.

E’ successo nel corso delle prime ore della notte. Gli agenti della sezione volanti sono intervenuti in un appartamento del centro. Era stata segnalata una violenta lite. Sul posto, hanno trovato il 29enne, piuttosto agitato, che li ha esortati ad andarsene. Ammettendo di aver avuto una lite con la moglie, poco prima, ma sostenendo che, trattandosi di fatti privati, il loro intervento era superfluo.

Così, ovviamente, non devono averla pensata i poliziotti che hanno insistito per vedere la donna. A quel punto, il 29enne si è infuriato, iniziando a inveire con insulti e minacce, e, solo dopo ulteriori insistenze, li ha condotti in un appartamento dello stesso condominio dove la donna si era rifugiata.

Entrati in casa, gli agenti hanno avuto modo di constatare che il proprietario aveva il viso tumefatto, pieno di lividi ed escoriazioni, mentre la moglie del 29enne presentava una ferita lacero contusa, sanguinante, sul sopracciglio. Più chiaro di così. Ma il giovane ha ripreso a chiedere con toni bruschi, agli agenti, di uscire, continuando a sostenere che non fossero fatti loro. E, alzando i toni, è passato alle minacce vere e proprie, dicendo di non aver paura della polizia. Fino a spingere anche un agente, che nel frattempo si era frapposo fra lui e la moglie, nel tentativo di raggiungerla.

A quel punto, n’è nata una colluttazione e solo con molta fatica il 29enne è stato condotto in questura. Chiamato il personale sanitario, che gli è stato somministrato un tranquillante, dopo aver constato che il 29enne aveva anche assunto sostanze alcoliche e stupefacenti. E dopo, gli sono stati contestati i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, danneggiamento, violazione di domicilio,  oltraggio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. E’ così finito in carcere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Violento con la madre, arrestato 19enne

Sempre ieri,  nel pomeriggio, gli agenti delle volanti arrestato anche un 19enne. Anche in questo caso per maltrattamenti in famiglia. Vittima, la madre. La donna già in passato aveva dovuto richiede l’intervento delle forze dell’ordine, a causa degli scatti d’ira del giovane, dovendo subire atti di violenza. Una vicenda molto triste, giacché il ragazzo soffrirerebbe di problemi psichici. Anche in questo caso, è stato necessario procedere all’arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento