Vandalismo e furti nel Salento: bruciati cassonetti e ladri dentro una scuola

A Lecce, nel quartiere Stadio, ennesimo raid contro i carrellati della differenziata. A Maglie, tentativo di furto dentro l'edificio di via Manzoni

LECCE – Odiosi atti vandalici, e non si capisce mai fino in fondo se fini a se stessi o con qualche scopo recondito, e furti, con incursioni che spesso riguardano edifici pubblici e non solo spazi privati. Non passa quasi notte senza qualche intervento per spegnere un rogo o verificare quanto avvenuto in qualche palazzo. E se a Ortelle l’altra notte, i ladri hanno portato via dalla sede del Comune ben cinque computer e persino due defibrillatori donati dalla sezione di Marittima della protezione civile, fra Lecce e Maglie, in quella appena trascorsa, si sono verificati altri deprecabili episodi.

Nel quartiere Stadio del capoluogo, nella zona in via Alessandria, all’incrocio con via Siracusa, ignoti, attorno alle 2 di notte, hanno sfogato la loro vena piromane su alcuni carrellati condominiali della ditta Monteco per la raccolta differenziata. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e una volante di polizia, oltre alla polizia locale. Su sette presenti, tre carrellati si sono letteralmente disciolti per il calore, riversando i rifiuti semicarbonizzati sul marciapiede. I vigili del fuoco hanno impedito che le fiamme proseguissero oltre, nel loro cammino o lo scempio e il danno ambientale sarebbero stati anche maggiori.

IMG_5912-2IMG_5913-3

Non è certo il primo episodio nel quartiere. Specie sul finire dello scorso anno, si sono verificati più atti di teppismo analoghi, che provocano rabbia e creano inevitabili disagi. Così come problemi si verificano per via delle incursioni negli edifici pubblici. Le scuole sono fra le più colpite. L’ultima che ha subito una “visita” è l’istituto comprensivo di Maglie, in via Alessandro Manzoni. Chi è entrato, cercava monete contenute nei distributori di bibite e snack, ma non è riuscito perché, in questo caso, c’era un allarme che è scattato e ha fatto fiondare sul posto la vigilanza di Alma Roma.

L’allarme era posto proprio a protezione delle macchinette. I ladri hanno tentato di manomettere il sensore. Il segnale alla centrale operativa è arrivato alle 23,55. Una pattuglia è arrivata sul posto. La guardia giurata ha iniziato a perlustrare il perimetro, fino ad accorgersi della finestra di un bagno semiaperta. A quel punto, la chiamata al personale della scuola e ai carabinieri. Durante il sopralluogo, si è appurato come avessero tentato di scardinare la cassa con i soldi, senza riuscirvi. A quel punto, i malviventi devono aver subito ripiegato, prima di essere colti in fallo.

WhatsApp Image 2019-05-25 at 11.13.48-3

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • Giovane leccese aggredisce a pugni e manda in ospedale militare barese

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Orrore in casa: tenta di dare fuoco alla moglie con liquido infiammabile

Torna su
LeccePrima è in caricamento