Vandalismo e furti nel Salento: bruciati cassonetti e ladri dentro una scuola

A Lecce, nel quartiere Stadio, ennesimo raid contro i carrellati della differenziata. A Maglie, tentativo di furto dentro l'edificio di via Manzoni

LECCE – Odiosi atti vandalici, e non si capisce mai fino in fondo se fini a se stessi o con qualche scopo recondito, e furti, con incursioni che spesso riguardano edifici pubblici e non solo spazi privati. Non passa quasi notte senza qualche intervento per spegnere un rogo o verificare quanto avvenuto in qualche palazzo. E se a Ortelle l’altra notte, i ladri hanno portato via dalla sede del Comune ben cinque computer e persino due defibrillatori donati dalla sezione di Marittima della protezione civile, fra Lecce e Maglie, in quella appena trascorsa, si sono verificati altri deprecabili episodi.

Nel quartiere Stadio del capoluogo, nella zona in via Alessandria, all’incrocio con via Siracusa, ignoti, attorno alle 2 di notte, hanno sfogato la loro vena piromane su alcuni carrellati condominiali della ditta Monteco per la raccolta differenziata. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e una volante di polizia, oltre alla polizia locale. Su sette presenti, tre carrellati si sono letteralmente disciolti per il calore, riversando i rifiuti semicarbonizzati sul marciapiede. I vigili del fuoco hanno impedito che le fiamme proseguissero oltre, nel loro cammino o lo scempio e il danno ambientale sarebbero stati anche maggiori.

IMG_5912-2IMG_5913-3

Non è certo il primo episodio nel quartiere. Specie sul finire dello scorso anno, si sono verificati più atti di teppismo analoghi, che provocano rabbia e creano inevitabili disagi. Così come problemi si verificano per via delle incursioni negli edifici pubblici. Le scuole sono fra le più colpite. L’ultima che ha subito una “visita” è l’istituto comprensivo di Maglie, in via Alessandro Manzoni. Chi è entrato, cercava monete contenute nei distributori di bibite e snack, ma non è riuscito perché, in questo caso, c’era un allarme che è scattato e ha fatto fiondare sul posto la vigilanza di Alma Roma.

L’allarme era posto proprio a protezione delle macchinette. I ladri hanno tentato di manomettere il sensore. Il segnale alla centrale operativa è arrivato alle 23,55. Una pattuglia è arrivata sul posto. La guardia giurata ha iniziato a perlustrare il perimetro, fino ad accorgersi della finestra di un bagno semiaperta. A quel punto, la chiamata al personale della scuola e ai carabinieri. Durante il sopralluogo, si è appurato come avessero tentato di scardinare la cassa con i soldi, senza riuscirvi. A quel punto, i malviventi devono aver subito ripiegato, prima di essere colti in fallo.

WhatsApp Image 2019-05-25 at 11.13.48-3

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Talenti dal Salento: una giovane ballerina ammessa alla Biennale di Venezia

  • Congelare gli alimenti: le regole per farlo correttamente senza rischi per la salute

I più letti della settimana

  • Un “Tornado” su gruppo di stampo mafioso: 27 arresti, indagato anche un sindaco

  • Ragazzo di 20 anni trovato morto con un colpo d'arma da fuoco alla tempia

  • Tragedia nel pomeriggio ad Otranto. Una donna si lancia dalle mura del castello

  • Scontro tra auto e moto: un 25enne finisce in Rianimazione

  • Lesioni troppo gravi nello scontro in moto: non ce l’ha fatta il 25enne

  • Una fuga di gas e l'alloggio si sbriciola: zio e nipote travolti dall’onda d’urto

Torna su
LeccePrima è in caricamento