Guerra aperta tra l'assessore Guido e il Circo Orfei. Lo sgombero domani?

Gli agenti della municipale si sono presentati davanti alla struttura per ulteriori controlli. Ma lo avevano già fatto ieri, su segnalazione di alcuni residenti che lamentavano escrementi di animali vicino ai cassonetti

LECCE – E’ ormai guerra aperta tra l’assessore all’Ambiente Andrea Guido e il Circo Marina Orfei,  che ha montato il tendone a Lecce, quartiere Stadio, lo scorso 21 febbraio. E gli ultimi spettacoli, previsti il 3 marzo, sarebbero in procinto di “saltare” perché lo sgombero della struttura potrebbe avvenire già domani. Proprio il Comune di Lecce ha presentato una denuncia alla Procura leccese con un serie di durissime contestazioni, amministrative ed ambientali, che di fatto potrebbero obbligare il circo a lasciare anzitempo al città. 

Questa mattina, intanto, gli agenti della municipale si sono presentati davanti alla struttura per ulteriori controlli. Ma lo avevano già fatto ieri, su segnalazione di alcuni residenti che lamentavano la presenza di escrementi di animali vicino ad alcuni cassonetti. In quella occasione, gli agenti avrebbero anche elevato sanzioni.

L’assessore Guido, al quale i titolari del circo non avevano risparmiato critiche con una conferenza stampa tenuta in un hotel cittadino lo scorso 18 febbraio, e che sempre in quell'occasione avevano puntato il dito contro la decisione dell’amministrazione comunale, sostenuta proprio dall’assessore all’Ambiente, poi approvata all’unanimità dal consiglio comunale che vieta l’ingresso in città degli spettacoli che utilizzano animali, terrà domani mattina un incontro con la stampa per chiarire tutti gli aspetti della vicenda."

"E’ stato notificato oggi  il provvedimento con il quale il Comune di Lecce - si legge nella nota diramata da Palazzo Carafa -  ha disposto l’immediata cessazione degli spettacoli  del Circo Marina Orfei attendato  nell’area adiacente allo stadio di via del Mare e l’immediato sgombero dell’area in questione".

Congedo sprona l'assessore Guido: "Vada avanti così"

“Evidentemente l’Assessore Guido non è poi così incompetente e ignorante nella sua materia” – dichiara il consigliere regionale Saverio Congedo – come hanno cercato di far credere gli operatori del Circo Marina Orfei nel corso di ben due conferenze stampa convocate ad hoc. L’esponente della Giunta Leccese è stato accusato ingiustamente di aver rilasciato dichiarazioni calunniose e diffamanti nei confronti dell’attività circense, quando invece il suo intento, avallato anche da associazioni animaliste e da una recentissima mozione votata quasi ad unanimità dal Consiglio Comunale, è quello di dare un ulteriore impulso a quella che è ormai una tendenza internazionale comune ai paesi più progrediti”.

“Se Lecce si propone come punto di riferimento culturale non solo nel panorama regionale, ma in quello nazionale ed europeo con la sua candidatura a Capitale della Cultura 2019 – continua Congedo – merita rispetto e attenzione chi sostiene che questa candidatura mal si concilia con chi sfrutta gli animali per puro diletto e divertimento spicciolo che nulla ha di educativo, specie per i più piccini. Ancora di più non può tollerare comportamenti, dichiarazioni e accuse irrispettose specie se arrivano da chi sembrerebbe aver preso sotto gamba leggi e regolamenti infischiandone degli obblighi previsti dall’ordinamento”.

“Bisogna distinguere nettamente, in ogni caso - conclude il consigliere regionale dell’opposizione - tra le imprese circensi che si ostinano a sfruttare gli animali e chi si esprime solo con la propria arte e ne fa uno strumento per procurare gioia agli altri. A questi artisti - circensi, di strada, di fiera - vanno tutto il nostro sostegno e tutta la nostra ammirazione. Dura condanna, invece, merita chi lucra sulle sofferenze di altri esseri viventi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

Torna su
LeccePrima è in caricamento