Fiamme circondano la tana, vigili del fuoco salvano un cucciolo di volpe

Ha una zampa bruciacchiata. Recuperato in extremis. I pompieri si sono accorti di lui mentre spegnevano uno dei tanti roghi nei campi

LECCE – Sarebbe morto soffocato, poi le fiamme avrebbero cancellato per sempre la carcassa dalla faccia della terra, nell’ennesimo incendio di sterpaglie in un Salento che si ritrova sotto l’assedio del fuoco, 24 ore su 24. E chissà quante povere bestie trovano ogni giorno una fine triste e orrenda in qualcuno dei tanti incendi di macchia e pinete. Ma, nella sventura della sua situazione (chissà dov’è la mamma), il destino è stato comunque favorevole per il volpacchiotto visibile in foto.

Intrappolato tra le fiamme, nella sua tana, con una zampa già bruciacchiata, è stato salvato, è il caso di dire, davvero in extremis. Terrorizzato e avvolto su se stesso, all’improvviso tutto intorno ha iniziato a zampillare l’acqua. Chissà agli occhi di un cucciolo di volpe cosa sarà sembrato quel coso che sparava liquido. Di certo, non era un minaccioso serpentone venuto a dargli il colpo di grazia, ma il salvifico idrante di una squadra di vigili del fuoco del comando di Lecce.

Gli operatori, mentre stavano spegnendo le fiamme tutto intorno, nelle campagne di Lecce, hanno notato la tana e scorto il cucciolo in difficoltà. E non ci hanno pensato un solo istante a strapparlo da morte certa.

L’incendio, piuttosto vasto, è divampato a metà mattinata fra sterpaglie e rovi, per circa un ettaro di terreno, al quinto chilometro di via Giammatteo, strada che si ricollega alla provinciale per la marina di Frigole. Paura si è avuta in particolare perché le fiamme si stavano avvicinando molto pericolosamente anche al giardino di un’abitazione privata. Allarme rientrato, grazie all’intervento dei pompieri, i quali, durante lo spegnimento, si sono anche accorti di quella tana e dell’animale intrappolato. E’ stato per loro stessi un fuoriprogramma.

Difficile da avvicinare (istinto selvatico, pare abbia cercato di azzannare un paio di volte i suoi salvatori), alla fine i vigili sono comunque riusciti ad afferrare il volpacchiotto e, con l’aiuto di un cittadino, che ha recuperato un trasportino, a metterlo al riparo, avvisando quindi il servizio veterinario dell’Asl. L’animale dovrà essere medicato. Se ne sta occupando il Centro recupero fauna selvatica del Museo di Calimera. Gli specialisti cureranno la volpe, rimettendola in libertà una volta guarita e autosufficiente nel procurarsi il cibo con la caccia. 

I vigili del fuoco hanno anche battuto la zona in cerca, eventualmente, della madre, ma è possibile che sia fuggita allo scoppiare dell’incendio, forse riuscendo a salvare qualche altro cucciolo. Di certo, non c’erano altre volpi nelle vicinanze, vive o morte. L’unico era quel simpatico musetto che se oggi l’è vista davvero brutta, ma che ha trovato sulla sua strada dei veri angeli.IMG-20170615-WA0010_1497522483877-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Sferra coltellata all'addome del barista: operato all'intestino, arrestato 47enne

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Quell'auto sospetta agganciata più volte. Ed è una sfida ad alta velocità

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

Torna su
LeccePrima è in caricamento