A spasso in centro con pistola a gas, nei guai per procurato allarme

Fermato a Lecce un 50enne gallipolino. Più persone l'hanno notato con l'arma in vista. Di libera vendita, ma comunque denunciato

LECCE – L’arma è di libera vendita, una semiautomatica a gas compresso, ma, come per tutte le cose, bisogna sempre avere buon senso. Quello che è mancato a un 50enne di Gallipoli, soggetto noto alle forze dell’ordine, fermato ieri pomeriggio a Lecce, in in via Trinchese. A notarlo è stato un agente libero dal servizio. Passeggiando, ha notato nel punto ristoro per snack e bevande, aperto 24 ore su 24, un uomo con addosso una pistola. Pare che avesse l’arma bene in vista.

Arrivata una volante in ausilio, si è deciso di tenerlo sotto controllo, entrando prima in un esercizio commerciale di fronte al punto ristoro e poi, da lì, intervenendo con tutte le cautele del caso, procedendo a disarmare l’uomo che, nel frattempo, aveva infilato l’arma nella cintura dei pantaloni. Una volta identificato, si è accertato che l’arma in questione era una pistola di libera vendita, una Norica modello Nac 1702, calibro 4,5, compresa di caricatore da ventuno colpi, con funzionamento ad aria compressa.

I poliziotti hanno acquisito testimonianze di alcuni cittadini che, a loro volta, avevano notato poco prima la presenza del soggetto armato lungo via Trinchese. Al termine degli accertamenti, l’uomo è stato denunciato per procurato allarme. Insomma, la passeggiata a mano armata gli è costata un po' cara. Le armi ad aria compressa con potenza inferiore a 7,5 joule, infatti, non devono essere autorizzate dalle autorità, ma questo non significa che si possano portare in giro senza un motivo giustificabile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento