"Ettore Maglio", pannelli fotovoltaici in fiamme: salvato il capannone

Celere e provvidenziale intervento dei vigili del fuoco sulla sommità di uno dei depositi della ditta di edilizia leccese. C'era il rischio che si sciogliesse il plexiglass che copre i pozzi luce, provocando un rogo anche all'interno

LECCE – L’intervento dei vigili del fuoco è stato quanto mai celere e provvidenziale. Soprattutto provvidenziale, perché se le fiamme si fossero propagate all’interno del capannone, con tutti i materiali che vi sono, si sarebbe corso il rischio di dover combattere contro un incendio di ben altra entità e i danni sarebbero stati da capogiro. E invece, grazie all’arrivo immediato di una squadra inviata dal comando di viale Grassi, con l’autoscala e l’autobotte in supporto, per una decina di uomini, tutto s’è limitato a una dozzina di pannelli fotovoltaici bruciati.

WhatsApp Image 2019-09-08 at 14.15.53 (1)-2

Il rogo s’è sviluppato verso mezzogiorno sulla sommità di uno degli immensi depositi della ditta “Ettore Maglio” (quello dove vi sono gli arredi bagno), nota azienda leccese attiva nel settore edilizio. Le cause, come accertato dai vigili del fuoco, sono state accidentali. Si sono sviluppate per via di un cortocircuito che ha riguardato uno dei moduli dei pannelli che alimentano l’energia. Una grossa colonna di fumo nero è stata notata da diversi automobilisti di passaggio lungo via Vecchia Lizzanello, laddove ha sede l’impianto, e diverse sono state le chiamate alla sala operativa.

Video | L'intervento dei vigili del fuoco

Oltre ai vigili del fuoco, sul posto si è recata anche una volante di polizia e subito si sono fiondati anche i proprietari dell’attività, per seguire l’intervento da vicino. Il timore era legato non solo alla possibilità che le fiamme si propagassero ad altri pannelli (sul deposito ve ne sono centinaia), ma anche e soprattutto che le coperture dei pozzi luce sul solaio, di plexiglass, potessero sciogliersi. In tal caso, il materiale fuso sarebbe ricaduto all’interno, con conseguenze facilmente immaginabili, se l’incendio non fosse stato subito controllato. Fortunatamente, il rogo è stato contenuto senza altri inconvenienti e, in un lasso di tempo relativamente breve, gli operatori hanno fatto rientro alla base.

WhatsApp Image 2019-09-08 at 14.15.53-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento