Reati ambientali, in quattro denunciati dopo sopralluoghi dei forestali

I controlli si sono svolti questa mattina in alcuni terreni che si trovano fra le zone di Minervino di Lecce e Otranto

OTRANTO – Reati ambientali sotto le lente dei carabinieri forestali. Sono due le operazioni eseguite questa mattina fra Otranto e comprensorio, anche se distinte fra loro. Nella zona di Minervino di Lecce, infatti, i militari della stazione di Otranto hanno denunciato a piede libero F.M.,  58enne del posto. L’uomo risulta proprietario di un terreno nella zona Pip del paese ed è stato ritenuto responsabile di scarichi a ripetizione di rifiuti non pericolosi sull’area, acquisita dal Comune,  derivanti da attività di  demolizione.

Nella zona di Otranto, invece, militari del Nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale del gruppo di Lecce, hanno denunciato S.G., 67enne, M.F., 50enne, entrambi di Otranto, e R.D., 56enne originario di Roma e residente a Lecce.

I tre sono accusati di gestione di rifiuti  non pericolosi, ovvero dello stoccaggio abusivo di inerti, quali conci di tufo e pietra calcarea, calcinacci, laterizi e blocchi in calcestruzzo, oltre a una modica quantità di terre e rocce da scavo derivanti dai lavori in corso di esecuzione, per un totale di circa 200 metri cubi.  L’area non è stata sequestrata, vista la disponibilità dei tre ad adempiere alle prescrizioni impartite. La zona sarà ripulita.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, estorsioni e droga: disarticolato gruppo vicino al clan Tornese

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Cede il cric durante il cambio della ruota del tir: ferito un meccanico

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Paura in volo: piccolo aereo sfonda il muretto di un'abitazione

Torna su
LeccePrima è in caricamento