Atto intimidatorio, piazzano ordigno sulla saracinesca del supermercato Pam

E' successo a Lecce, in via Argento, poco prima di mezzanotte. Le indagini ai carabinieri, arrivati sul posto con la scientifica e l'artificiere

LECCE – Il fragore è stato tale da essere avvertito in buona parte dei rioni Santa Rosa e Salesiani. “Ero nella zona dell’hotel Hilton – racconta un ragazzo, precipitatosi poco dopo sulla scena – ho visto una fiammata nel cielo e l’ho confuso per un lampo. Pensavo che stesse per piovere”.

Era, invece, l’effetto devastante di un ordigno che circa cinque minuti prima di mezzanotte è stato collocato e fatto esplodere all’altezza dell’angolo destro basso di una delle saracinesche del supermarket Pam di via Argento. Si è trattato, secondo i primi riscontri (ma devono essere svolti, ovviamente, approfondimenti) di una bomba carta di potenziale medio. Polvere nera, compressa in qualche contenitore. Un ordigno artigianale sviluppato per provocare un danno ben visibile, ma non del tutto distruttivo. Quello che, in gergo, si potrebbe definire una sorta di “avvertimento”, anche se il movente, per ora, non è apertamente noto. Sul caso stanno indagando i carabinieri, arrivati in massa per effettuare sopralluoghi.

In tanti hanno udito il boato

Certo è che in tanti hanno avvertito il boato, in tarda serata, affacciandosi in strada per capire cose fosse accaduto e chiamando i vari numeri d’emergenza. In breve,  sul posto, sono arrivati vigili del fuoco del Comando provinciale, con una squadra, una volante di polizia e carabinieri della Sezione radiomobile. A questi ultimi, la delega delle indagini per competenza territoriale. Una pattuglia ha così bloccato l’accesso diretto da viale Leopardi (tratto della circonvallazione), mentre altri militari hanno avviato le verifiche. Oltre ai carabinieri dipendenti della Compagnia di Lecce (sul posto è intervenuto il capitano Flavio Pieroni), anche quelli del Nucleo investigativo, guidati dal maggiore Paolo Nichilo, che hanno svolto l’approfondimento tecnico, tramite la Sezione investigazioni scientifiche e l’artificiere.

Al momento, non trapela molto. I gestori del supermarket (la società che lo gestisce è di Taranto; il direttore di Lecce) sono arrivati in via Argento per essere ascoltati in via sommaria, in attesa che sporgano denuncia formale, mentre i carabinieri hanno setacciato a fondo la zona e l’interno del locale commerciale, per verificare i danni effettivi e cercare qualche elemento utile alle indagini. Il Pam è dotato sulla parte anteriore di almeno due videocamere esterne, i cui filmati saranno visionati nelle prossime ore. Altre videocamere, per quanto, forse, poco utili, si trovano nei pressi di alcuni negozi sottostanti le arcate di un palazzo quasi frontale, rispetto al luogo dell'atto intimidatorio.

Video | Il sopralluogo davanti al Pam

Da una prima ricognizione, non sembra che siano stati provocati danni importanti all’interno del supermercato. La deflagrazione ha piegato verso l'interno la lamiera della saracinesca e uno dei montanti, spaccando anche porzioni di muro. Alcuni calcinacci si sono proiettati contro una Lancia Y parcheggiata davanti all’edificio, anche se in posizione defilata, rispetto al luogo dell’esplosione, provocando qualche ammaccatura. Secondo indiscrezioni, tutte ancora da confermare, ad agire potrebbero essere stati soggetti in scooter. Li avrebbero notati alcuni residenti affacciatisi in strada subito dopo aver avvertito il rumore cupo e assordante.

Alcuni recenti episodi eclatanti

L’ultimo caso eclatante menzionato nelle cronache, a Lecce, risale all’ottobre del 2017, quando un’auto incendiaria fu lanciata contro il Conad fra via Massaia e piazzale Rudiae. Mentre bisogna andare avanti di poco, fino al gennaio del 2018, per un’altra vicenda oscura, i colpi di pistola contro il bar Meeting di via Sozy Carafa. Poi, almeno per Lecce, una parentesi di relativa tranquillità, eccezion fatta per qualche vicenda più recente, come i colpi di pistola verso il bar Coffee of the Law e la palestra Your Gym. Ora, un nuovo episodio che necessita approfondimenti investigativi. Fanno, forse, testo a sé, i tanti incendi avvenuti negli ultimi tempi, anche in attività commerciali, per i quali non sempre è facile stabilire il dolo.       

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Vino adulterato: undici arresti e quattro aziende sequestrate dal Nas

  • Violento nubifragio sferza il Salento. Strade allagate, centri in tilt

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Incendio nel parco di Punta Pizzo. Giallo sul ritrovamento di un cadavere

Torna su
LeccePrima è in caricamento