Visita a sorpresa e subito soluzioni: tecnico di radiologia e porte al triage

Più sicurezza per gli operatori a rischio aggressioni e migliorie per accelerare il lavoro. Il nuovo direttore generale dell'Asl fa sul serio

Le nuove porte eviteranno contatti pericolosi (Luca Capoccia Photo).

LECCE – Dicono i testimoni che gli operatori del pronto soccorso abbiano sgranato gli occhi vedendola entrare e avvinarsi a loro, accompagnata dal suo staff. Senza preavviso, senza troppi preamboli e squilli di tromba. Sguardi negli sguardi, sapeva già quali fossero le criticità, ma ha voluto conferme dirette e ragguagli da chi in quell’inferno quotidiano ci lavora.

Il pronto soccorso, la porta secondaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce, eppure la principale cartina al tornasole di molte questioni irrisolte.

Bene. Nel giro di un giorno il primo problema era già stato affrontato. Partita chiusa. Incredibile ma vero, la sala di radiologia ha preso forma e vita con l’arrivo dei tecnici tanto attesi, quasi anelati. Turni mattinieri e pomeridiani, dalle 8 alle 14 e staffetta raccolta dalle 14 alle 20. Tempo un’altra settimana, ed ecco arrivare anche le attese porte per permettere a chi si trova dietro a un triage sprotetto a raccogliere i dati e smistare i pazienti, di evitare il contatto diretto con i facinorosi di turno.

Le aggressioni, e non solo verbali, sono diventate ormai quasi all’ordine del giorno e con le prescrizioni mediche fioccano anche troppe denunce. Paradossale per un luogo in cui già occorre sangue freddo da vendere per tamponare emergenze continue, operando spesso sul filo della vita e della morte.

La sanità è sempre stata una patata bollente. E di questi tempi scotta ancor di più fra le mani di chi è chiamato a mettere ordine alle troppe complicazioni che si sovrappongono, tanto più con la discussione per il riordino della rete ospedaliera che è sempre aperta, accesa, a volte anche troppo. Silvana Melli, insediata da poco alla direzione generale dell’Asl dopo il passaggio di Giovanni Gorgoni alle redini del Dipartimento salute della Regione, sta lavorando sottotraccia.

Non cerca il clamore e si capisce, perché la notizia che stia mettendo mani al pronto soccorso di Lecce, finito nelle pagine di cronaca nera troppe volte e non come sfondo per comuni incidenti stradali, ma come protagonista di vicissitudini assurde (dai colpi di catena rifilati alle guardie giurate, ai pugni e alle minacce di morte agli infermieri), giunge del tutto casuale. Qualche verifica, ed ecco che il più trova conferma.

Quello di Silvana Melli, avvenuto circa una decina di giorni or sono, è stato un sopralluogo molto dettagliato, nel corso del quale ha fornito disposizioni su come riorganizzare la struttura a livello logistico. E l’ha fatto parlando con il primario del reparto, il medico Silvano Fracella, con la caposala, confrontandosi anche con l’ufficio tecnico e rapportandosi in generale con gli operatori presenti in quel momnto, indipendentemente dalla qualifica.  

Il tecnico di radiologia, ad esempio, è una figura fondamentale in un pronto soccorso. Si era già scritto dell’assurdità, una situazione quasi fantozziana, di spedire i pazienti ai piani superiori (peraltro non sempre autonomi, ed è lapalissiano) per esami strumentali, per poi ritornare giù e magari essere smistati di nuovo su, nel reparto adeguato al tipo di patologia rilevata. Ora i tempi si accorciano notevolmente e nessuno deve essere trascinato nel reparto di Radiologia in barella o in sedia a rotelle. I consulti si tengono in loco.

Ancora, le porte per separare il triage dai pazienti sono vitali. In quanti nel tempo si sono fiondati all’interno, aggredendo gli operatori, invadendo sale e corridoi, obbligando vigilanti e agenti di polizia del posto fisso a continui interventi per fare da scudo. Una situazione da Terzo Mondo che è in via di risoluzione perché le nuove porte sono state incardinate e nel giro di una decina di giorni circa, indicano fonti ufficiali dell’Asl consultate sul caso, vi sarà anche il collegamento elettrico per un loro perfetto funzionamento. Insomma, i lavori sono a buon punto e mancano ancora alcuni dettagli tecnici.     

Antonio Tarantino e Fabio Sanapo, rispettivamente segretario territoriale e dirigente del sindacato Uil Flp, accolgono quasi con commozione nella voce le novità, dopo mesi di lettere e richieste di ascolto. La sicurezza degli operatori è sempre stata il loro cavallo di battaglia. La chiusura del triage nella parte posteriore e i divisori per i codici bianchi, con ingresso a parte, ad esempio, risolveranno quei pericolosi conflitti che si sono venuti a creare in troppe circostanze.

Spesso è l’attesa che snerva, unita alla mancanza di cultura sul corretto uso di un pronto soccorso, dove troppi si recano per doloretti e febbricole, o persino problemi immaginari, intasando un reparto che si gioca tutta la reputazione sulla capacità d’intervenire in tempi rapidi su situazioni vitali.   

“Silvana Melli ci è apparsa molto sensibile ai problemi di operatori e cittadini”, commentano. “Abbiamo riscontrato positivamente l’impegno suo e del suo staff, con questa visita a sorpresa in cui s’interfacciata con gli operatori e gli infermieri”. “Fra l’altro – aggiungono -, sta lavorando anche sulla pianta organica”. Uno dei nodi, infatti, resta la carenza di Oss, gli operatori socio sanitari, il cui supporto serve a sollevare medici e infermieri da compiti che rischiano di distrarli dalle funzioni primarie.

E’ chiaro che si tratta di soluzioni temporanee, perché quando saranno ultimati i lavori del nuovo padiglione, esisterà anche un reparto moderno e adeguato sotto ogni profilo per la gestione di urgenze ed emergenze. Ma intanto, non si può attendere in eterno. E prevenire è meglio che curare. Un detto che, se vale per qualunque situazione spinosa, figurarsi allora per un ospedale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Dico/che ci vuole dappertutto uno che sappia organizzare il lavoro

  • LE aggressioni ci sono perché la gente al pronto soccorso si spaventa, si trova da sola abbandonata in attesa per ore, e spesso vede i propri cari soffrire solo per la carenza. LA PRIMA FORMA di sicurezza avrebbe dovuto essere quella di POTENZIARE IL PERSONALE E I DOTTORI AL PRONTO SOCCORSO. Non esiste che ci sia solo un dottore. E NON ESISTE che bisogna attendere i rientri di quelli che vanno su al reparto. BISOGNA FARE UN ALTRO UFFICIO, uno che cura e firma i rientri di quelli che sono andati su a fare le analisi. L'ALTRO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE AL MALATO. QUESTA è la prima forma di sicurezza. Apprezzo tanto quello che è stato fatto, ma la prima forma di tutela PER TUTTI e non esasperare gente, che ricordiamocelo arriva al pronto soccorso in stato di emergenza e agitazione e la frustrazione è enorme. Sono stato lasciato con la faccia sanguinare per 7 ore davanti alla porta, mentre aiutavo una persona che era piegato probabilmente per fortissime coliche renali. NESSUNO aiutava NESSUNO si avvicinava, ci potevamo morire li. Questo non è forse esasperante? Non scatena la violenza della gente, io sono un pacifista convinto ma se avessi visto qualcuno gli sarei saltato addosso. POTENZIARE E DARE UN SERVIZIO EQUO alle tasse che paghiamo, è la prima forma di prevenzione. FATE UN PRONTO SOCCORSO che non abbia ore d'attesa e che non abbia dentro personale talmente stanco dai turni da non capire nulla. VA POTENZIATO, la città è cresciuta ma il pronto soccorso ha avuto migliorie solo strutturali. SERVONO MEDICI, SERVONO 2-3 AMBULATORI per ridurre le attese. Non siamo al supermercato, chi arriva e non sta bene va subito aiutato. C'è gente che dice SI VA AL PRONTO SOCCORSO PER OGNI COSA, si si va visto che paghiamo un mare di tasse per mantenerlo ed è nostro SACROSANTO diritto. Aiuto medico fosse anche per un cerotto non lo si nega a nessuno, è nel giuramento di Ippocrate. CREATE ALTRI AMBULATORI. Io ho paura oggi di dover avere bisogno del pronto soccorso, non per la mia malattia ma proprio paura di avere a che fare con il pronto soccorso. I medici DA SOLI NON CE LA FANNO PIU!

  • Brava!! Ed i suoi predecessori a cosa pensavano?

  • Forse partiamo con il piede giusto, ma la prossima visita, forse, andrebbe fatta dal ministro della salute sul completo piano di riordino cominciando dai medici di famiglia, continuando con quelli di guardia medica, per finire con gli ospedali. Speriamo non sia solo fuoco di paglia.

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Pomeriggio di sangue sulle strade salentine, muore un giovane motociclista

  • Cronaca

    Aereo ultraleggero cade vicino all'impianto "Lepore": due incastrati

  • Sport

    Il Lecce sprofonda sotto i colpi del Matera. Sconfitta senza attenuanti

  • Nardò

    Violentata dallo zio, per le perizie il racconto è attendibile

I più letti della settimana

  • Colpo di scure all'usura: oltre cento indagati nell'inchiesta "Twilight"

  • Pomeriggio di sangue sulle strade salentine, muore un giovane motociclista

  • Pistola e kalashnikov, un nuovo agguato turba Casarano: grave 41enne

  • Tragico schianto contro una recinzione sulla via del ritorno: muore un 22enne

  • Tragica scoperta a Novoli: una 37enne senza vita con coltellata alla gola

  • Marijuana a quintali, un Ak 47 pronto all'uso ed eroina: cinque in arresto

Torna su
LeccePrima è in caricamento