Colpo in tabaccheria, rapinatore rintracciato: messo alle strette confessa

Fra videocamere e testimonianze, i poliziotti hanno fermato un 34enne leccese. E' l'autore dell'assalto nella rivendita "Marotta" di piazza Napoli

LECCE – E’ stato arrestato nel corso della notte scorsa l’autore della rapina alla tabaccheria “Marotta” di piazza Napoli. Antonio Conte, 34enne di Lecce, vecchia conoscenza delle forze dell’ordine (nel 2012 fu catturato per una serie di colpi in alcune banche, messe a segno all’epoca con un complice) è stato riconosciuto dagli stessi poliziotti tramite le videocamere di sorveglianza. Le manette sono scattate al termine di un'indagine lampo, eseguita dagli agenti della sezione volanti e dai colleghi della mobile, coordinati rispettivamente dai vicequestori Eliana Martella e Alessandro Albini.

648ee5f3-4217-448f-a790-89aa954db1e5-2Sembrerebbe che Conte non si fosse accorto di essere stato immortalato prima ancora di infilare il cappuccio. Questo, ovviamente, ha reso i suoi lineamenti sufficientemente visibili. Tanto quanto bastasse per spingere gli inquirenti a raggiungere la sua abitazione e iniziare una perquisizione. Il resto, l’hanno fatto le descrizioni fornite da un testimone presente nella tabaccheria e dalla stessa vittima: non molto alto, circa 1 metro e 65, e robusto. Tutto convergente. 

Dopo il colpo, messo a segno con una pistola (una scacciacani, si sarebbe scoperto nelle ore successive), Conte era fuggito a tutta velocità a bordo di una Fiat Multipla condotta da una donna. Così, almeno, sembrerebbe, sempre secondo le testimonianze rese da chi, sabato pomeriggio, attorno alle 18,30, era nella zona dove s’è consumata la rapina, nello slargo non lontano dalla chiesa di San Sabino. Non è stato immediatamente rintracciato dalla polizia, bensì dopo un paio d'ore.

Il video: la polizia ha rinvenuto anche l'arma, una pistola scacciacani

IMG_3126-2Incastrato dagli agenti delle volanti e della squadra mobile, Conte alla fine ha anche fornito collaborazione. L’auto è stata ritrovata nella marina di Torre Chianca. Dopo l’assalto, dunque, la vettura aveva preso la direzione della litoranea. La via di fuga più semplice e immediata, cosiderando che la zona della rapina converge con l'ultimo tratto di via Roma, da dove si raggiunge agevolmente la provinciale per Lecce.

Poi, in qualche modo Conte ha fatto rientro a Lecce, pensando bene di nascondere l’arma, la felpa con il cappuccio e un paio di guanti "sepolti" sotto uno scooter all'interno di un box, di proprietà di suoi conoscenti, nei pressi di via Merine. I soldi rapinati, però, circa 2000 euro, non sono stati trovati. Li avrebbe già spesi, asserendo di avere un debito, subito saldato. E’ mistero, al momento, sulla complice. L’uomo, nel frattempo, che è difeso dall’avvocato Alessandro Costantini Dal Sant, è stato condotto in carcere. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Il 99%degli autori di furti e rapine risultano spesso pluripregiudicati. Significa che ció che prevede la tanto decantata Costituzione italiana, definita dai sinistrorsi “la più bella costituzione del mondo”, ossia il recupero sociale del Reo, resta di fatto lettera morta. Come del resto accade per alcuni diritti elementari che riguardano tutti i cittadini, nella fattispecie, il diritto al lavoro e alla casa. Se poi aggiungiamo una legislazione penale catto-sinistroide, con sconti di pena, cavilli giuridici e pastoie giudiziare, il disastro è fatto. W l’Italia e la sua Costituzione più bella del mondo...ma per chi???

  • se tocchi caino succede un casino quindi i delinquenti saranno sempre liberi di far del male a persone innocenti ...politica assurda ...ma è cosi amici ..vedi legittima difesa , tutti scandalizzati ...se non entri in casa mia per rubare nessuno ti fa nulla eppure tutti scandalizzati poiché ci si può difendere ...ke tristezza

  • Vecchia conoscenza ed era libero... siamo alle solite o si riducono drasticamente i vari benefici penitenziari approvati resi ancora più ampi dagli ultimi governi di sinistra o simili soggetti tra pochi mesi torneranno in giro liberi di delinquere nuovamente. Il resto sono chiacchiere

    • I benefici penitenziari di cui giustamente parli sono presenti nel codice da innumerevoli anni, e non dipendono solo da governi di sinistra ...

      • Gli ultimi due governi di sinistra hanno notevolmente esteso l’uso dei domiciliari, senza parlare della depenalizzazione di decine di reati gravi attuata dal goveno, (non votato dagli italiani), di Renzi. Continuate ad avallare i disastri fatti dai vostri politici e a breve consegnerete l’Italia nelle mani dei Fascisti...

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni comunali: alle 19 ha votato il 57,7 per cento degli elettori leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Sulla scheda il candidato che “non esiste”: un "De" di troppo ma elezioni proseguono

  • Sport

    La prevenzione contro il cancro si fa "di corsa": torna la “Gallipoli ColouRun”

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un Rolex inesistente e il finto rimborso. Ed è doppia truffa da 24mila euro

Torna su
LeccePrima è in caricamento