Legna in fiamme e una plafoniera nella friggitrice. Danni a deposito e pizzeria

Un incendio a Seclì, ai danni di un magazzino. A Gallipoli, un locale lievemente colpito da un rogo accidentale

Un vigile del fuoco (Foto di repertorio)

SECLI’- Un deposito di legname in fiamme, poco prima dell’alba. E’ accaduto alla periferia di Seclì, per motivi ancora sconosciuti ma che, stando alle prime ricostruzioni, non sarebbero di natura dolosa. Le fiamme sono state scorte intorno alle 4: una densa colonna di fumo fuoriusciva dal magazzino, del valore di 10mila euro.

Il rogo ha consumato il materiale custodito all’interno, ma senza arrecare danno a persone, né agli edifici. Sul posto, per domare la fiammata, i vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli.  I pompieri hanno messo in sicurezza l’area, ma hanno potuto fare ben poco per mettere in salvo il legname. Sul luogo, anche i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia gallipolina. Al momento, però, non vi sarebbero elementi riconducibili alla volontà di qualcuno: l’incendio potrebbe dunque essere di natura accidentale.

Ma per dissipare ogni dubbio, gli inquirenti stanno visionando i filmati del sistema di videosorveglianza, per verificare se qualcuno sia stato immortalato dagli “occhi elettronici”. Poco prima, in una pizzeria di Gallipoli, su riviera Nazario Sauro, si è verificato un principio di incendio a causa di una assurda fatalità: una plafoniera si è infatti staccata dal soffitto del locale che ospita le cucine, finendo in una friggitrice in funzione: la scintilla ha provocato una fiammata, ma il rogo è stato subito domato senza alcuna, grave conseguenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzini abusati in un casolare, 69enne in carcere per pedofilia

  • Cocaina e sostanza da taglio disseminate in casa, insospettabile nei guai

  • Villa confiscata fin dal 2015, ma lui era sempre lì: sgombero forzato

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: imputati il padre e lo zio

  • Costrette a prostituirsi anche con il maltempo, in manette lo sfruttatore

  • Preoccupazione per il vento delle prossime ore: allerta “gialla” sul Salento

Torna su
LeccePrima è in caricamento