In fiamme camion del dolci, paura per una bombola a bordo

L'intervento verso mezzanotte sulla 101, quasi all'altezza di Lequile. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Lecce e la polizia stradale di Maglie. Il proprietario rientrava a San Pietro in Lama

Foto inviata da un lettore.

LEQUILE – Sono stati attimi di paura difficili da dimenticare. Prima il fumo, poi le fiamme. In breve, il mezzo ha preso fuoco nella parte anteriore. Con tutti i rischi connessi. Perché trattandosi di un furgone attrezzato per la produzione e la vendita di dolciumi, fra cui la cupeta, il tipico dolce con mandorle e miele, aveva a bordo, oltre ai prodotti, anche oggetti potenzialmente pericolosi. In primis, una bombola di gas molto capiente.

Per questo, è stato necessario un intervento piuttosto celere di una squadra di vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce, che, per inciso, per tutta la notte, insieme ai vari distaccamenti, sono stati impegnati anche e soprattutto per i soliti roghi di sterpaglie, specialmente nel basso Salento, fra Tricase e Montesano Salentino (ne scriviamo a parte, Ndr).

IMG-20160716-WA0003-2Era mezzanotte circa, quando sulla strada statale 101 il mezzo Fiat di Ottavino Saponaro, commerciante di San Pietro in Lama, è stato avvolto, rischiarando con il fuoco la notte.

Il titolare, che stava rientrando nel proprio comune, era già sceso, ma per il suo mezzo da lavoro non c’è stato nulla da fare. Un cortocircuito mentre il camion era in movimento, quasi sicuramente, e che ha obbligato il conducente a fermarsi all’altezza del chilometro 6+600, all’altezza circa di Lequile, in direzione sud.

I vigili del fuoco sono intervenuti, estraendo la bombola dal lato retrostante e spegnendo le fiamme. Della cabina del furgone è rimasto solo uno scheletro di lamiera. Il camion è stato rimosso nelle ore successive. Sul posto, per regolare la circolazione stradale e per tutti gli adempimenti del caso, sono intervenuti gli agenti di polizia stradale del distaccamento di Maglie. S’è rischiato molto di più, dunque, di un normale rogo. Se il fuoco avesse raggiunto la bombola prima dell’intervento, si sarebbe verificata un’esplosione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento