Mette fuoco al cofano di una Giulietta e scappa: ripreso dalle telecamere

E' successo a Leverano di notte. Sul posto carabinieri di Campi e vigili del distaccamento di Veglie. E' mistero sul movente

Foto di repertorio.

LEVERANO – Si avvicina con un recipiente in mano. Versa il liqido infiammabile, poi lo innesca. Sul cofano si alza il fuoco, la strada si riempi di fumo, mentre lui si allontana in tutta fretta. Una macchina o uno scooter lì vicino per la fuga finale? Ed era solo o l’attendeva un complice? Tutto questo, non si sa, perché al di fuori del campo visivo delle videocamere di zona. Di certo, ora è caccia aperta al soggetto che, nelle ore piccole, ha tentato di distruggere un’autovettura. Provocando danni a tutta la parte anteriore.

E’ mistero a Leverano dove l’unica certezza è che non si possa parlare di evento accidentale. Ci sono le immagini, c’è un’indagine aperta, anche se per ora non c’è un movente chiaro. Tutto è avvenuto di notte in via Magenta, una stretta stradina secondaria, traversa di via Borgo Perrone, ai margini del centro storico. Le fiamme hanno riguardato un’Alfa Giulietta bianca parcheggiata non lontano dall’abitazione della proprietaria, un giovane donna di 31 anni, di mestiere barista.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, che hanno spento le fiamme. In parte danneggiata, dunque, la vettura. Poi, sono sopraggiunti i carabinieri dell’aliquota operativa di Campi Salentina. I quali hanno acquisito le immagini da cui si spera di fare chiarezza sulla vicenda. S’intravede, infatti, piuttosto chiaramente, il soggetto che si avvicina e appicca il fuoco. Resta da capire se sia anche identificabile in modo certo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sete post-pizza? Ecco il perché e come ovviare al problema

  • Paura in pieno giorno: tre esplosioni in pochi secondi. Sventrata una casa, fermato proprietario

  • Sfida a 200 all'ora: banda di ladri inseguita per oltre 70 chilometri

  • Doppio blitz, armi nascoste e stupefacenti a chili: scattano le manette

  • “Salvato il soldato Paolo”, carabinieri salentini in prima linea nel trasferimento del generale

  • Scoppia una rissa, un 25enne ferito al setto nasale per aver chiamato la polizia

Torna su
LeccePrima è in caricamento