Banchetto di Casapound in piazza, volano pugni e parole grosse

E' successo a mezzogiorno. Gli attivisti avevano allestito un banchetto. Ma dopo un po' si è arrivati a contestazioni verbali e infine alle mani. Sul posto i carabinieri, ma la vicenda è ancora da ricostruire in ogni dettaglio

Il luogo della rissa.

LEVERANO – Mezzogiorno di fuoco nella “Città dei Fiori”. Doveva essere una tranquilla domenica invernale prenatalizia e invece, a Leverano, a metà mattinata, è scoppiato un vero e proprio parapiglia. In piazza Roma alcuni attivisti di Casapound, infatti, come sta avvenendo in tante altre località italiane, in vista della presentazione del programma per le prossime elezioni, avevano chiesto e ottenuto l’autorizzazione per allestire un loro banchetto.

A più di qualcuno, però, quella presenza deve essere stata sgradita. A quanto pare, a contestarne le ideologie e la propaganda, sono stati alcuni leveranesi dell’area di sinistra. Non solo giovani, ma anche persone più mature, di mezza età.

Ancora non è ben chiaro, per la verità, come tutto sia nato e quale sia stata la scintilla che ha fatto scoccare una mezza rissa, in cui sono volati – questo è certo – anche pugni, dopo qualche parola grossa. Anche perché, quando i carabinieri della stazione locale sono arrivati sul posto, i giovani di Casapound (sei quelli presenti in mattinata) se n’erano già andati. Hanno però trovato ancora una decina di altre persone.

Le indagini, dunque, sono soltanto all’inizio e probabilmente si sta procedendo alle prime identificazione di chi potrebbe aver partecipato e all’ascolto delle testimonianze. Di sicuro, per ora non risultano denunce presentate in caserma, né sembra che i contusi si siano recati in qualche ospedale per essere refertati. Le schermaglie, però, devono essere state piuttosto pesanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Curiosamente, si tratta della stessa zona dove a luglio, vi fu un’altra rissa che però, in quel caso, coinvolse mezza dozzina di cittadini stranieri. E come accadde già quel giorno, anche la voce della scazzottata di questa mattina ha fatto in breve il giro del paese. Tutto questo, mentre i militari stanno cercando di ricostruire nel dettaglio quanto avvenuto. E, soprattutto, in un giorno in cui a Lecce si vive forte tensione per l’arrivo di Roberto Fiore, cofondatore di un altro movimento di destra radicale, Forza Nuova. E mentre Fiore terrà un comizio presso l’hotel Zenit di Lecce, per contestarlo è prevista una contromanifestazione.     

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Fiamme e fumo sulla collina di Lido Conchiglie. Si sospetta l'origine dolosa

Torna su
LeccePrima è in caricamento