Lo investe con l'auto, poi va via: denunciato un medico

Un dottoressa 40enne tampona una Y10 e dà gas al fuoristrada investendo l'occupante dell'altra auto, sceso per vedere i danni, ferendolo ad una gamba. Ora risponde di omissione di soccorso e lesioni

Un'ambulanza soccorre una persona dopo un incidente in via Cavallotti (foto di repertorio).
L'incidente - buon per la vittima -, è storia di poco, almeno rispetto a quanto si temeva in un primo momento, dato che la botta pare non sia stata lieve. Ma è la situazione in sé a rasentare il limite del paradosso. Perché per omissione di soccorso e lesioni è stato denunciato non un qualunque cittadino che opera in un qualunque settore della vita civile, ma nientemeno che un medico. Proprio così. Una donna medico, per la precisione, di circa 40 anni, residente ad Ugento, ma che lavora presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce.

Il fatto è avvenuto intorno alle 13 di sabato, in via Felice Cavallotti. Si tratta della strada che "circumnaviga" la villa comunale, sorta di cerniera circolare fra piazza Mazzini e piazza Sant'Oronzo. Dunque, una scena accaduta in pieno centro ed in un orario di punta, alla quale avrebbero assistito diversi testimoni. La donna medico viaggiava a bordo di un fuoristrada e, a quanto è dato sapere, ad un certo punto avrebbe tamponato una ben meno prestante Lancia Y10, condotta da un 45enne di Lecce. Un sinistro di poco conto, una collisione come se ne verificano tante ogni giorno sulle strade, senza lasciare traccia di sé nelle cronache, ma solo nelle agenzie assicurative e sui referti delle forze dell'ordine (qualora siano chiamate ad intervenire). Ma mentre il 45enne sarebbe sceso dal veicolo per verificare i danni, il medico, a sorpresa, avrebbe ingranato la marcia per ripartire. Finendo per investire il malcapitato. E senza poi fermarsi per soccorrerlo. Una situazione troppo spesso abituale, ma che da parte di un medico assume una connotazione sinistra. Resta ovviamente sempre da accertare la dinamica nella sua interezza e capire se la professionista si sia accorta di tutto.

Ma tant'è. L'urto ha provocato una botta ad una gamba, ed un dolore intenso, tanto che a quel punto è stato richiesto l'intervento del 118 per trasportare in ambulanza l'uomo in ospedale. Inutile dirlo: al "Vito Fazzi". L'allarme è stato dato da alcuni passanti che hanno assistito alla scena. E risalire al fuoristrada non c'è voluto granché. Al punto che in via Adriatica, giunta ormai alla periferia dopo aver percorso viale De Pietro, una pattuglia di polizia ha incrociato la 40enne. Ma alla vista degli agenti, lei si sarebbe messa ad inveire. Non solo: la dottoressa si sarebbe anche rifiutata di sottoporsi ai test di droga e alcool, tanto che la polizia le ha dovuto ritirare la patente, sequestrando l'auto. A corollario di tutto, una denuncia a piede libero alla Procura della Repubblica: risponde di omissione di soccorso e lesioni. E il 45enne? Visitato dai colleghi della donna presso il nosocomio del capoluogo, ha riportato contusioni guaribili in 10 giorni. E' stato dimesso poco dopo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento