Localizza il telefono rubatogli e si rivolge alla polizia: una denuncia

Il furto era stato consumato nei giorni precedenti nei pressi della stazione. Nella stessa zona, giovedì, un giovane ha preso a calci e pugni un'auto

LECCE – Il suo telefonino, che gli era stato rubato qualche giorno addietro mentre era seduto su una panchina nei pressi della stazione ferroviaria, lo aveva un uomo di 30 anni, sorpreso dall’arrivo della polizia all’uscita da un market, in via Duca degli Abruzzi.

La vittima del furto, che era riuscito a localizzare il proprio dispositivo, si è messa in contatto con gli agenti che lo hanno raggiunto nel luogo indicato. Poco dopo il telefono è stato riconosciuto tra le mani di un 30enne di origine senegalese. L’uomo s’è giustificato dicendo di averlo acquistato da un’altra persona via Internet: nei suoi confronti è stata presentata una denuncia per ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre nei dintorni della stazione ferroviaria, ma stavolta in viale Oronzo Quarta, un 24enne di nazionalità gambiana è stato fermato dalla polizia dopo aver colpito un’auto in sosta con calci e pugni. Il giovane, in stato di ebrezza alcolica, è stato affidato alla Divisione Immigrazione dopo essere stato indagato per danneggiamento: già oggetto di provvedimento di espulsione, dovrà lasciare il territorio italiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una 26enne finisce contro un muretto e muore: secondo dramma in quattro giorni

  • In Puglia 124 nuovi contagiati. Due decessi, uno in provincia di Lecce

  • Medico rientra dal turno e perde il controllo dell’auto: finisce nel canale

  • Nel Salento 54 casi nei due ultimi giorni. Nessuno attribuito capoluogo

  • “Il mostro è arrivato dentro casa”: La Fontanella, sono 31 i contagiati

  • In moto a folle velocità sfugge a tre volanti. “Ero andato a Otranto per un caffè”

Torna su
LeccePrima è in caricamento