Lotta al bracconaggio, scovati tre richiami acustici per ingannare le quaglie

Perlustrazioni notturne dei carabinieri forestali di Lecce fra le campagne e i boschi di Carmiano, Copertino e Leverano

Foto di repertorio.

LECCE – Lotta a tutto campo al bracconaggio. I carabinieri forestali di Lecce da mezzanotte alle 6,30 del mattino hanno perlustrato campagne e boschi del loro territorio di competenza, in cerca di cacciatori di frodo.

Non ne hanno scovato nessuno, ma molti i segni del loro passaggio. In particolare, sono stati trovati ben tre richiami acustici elettromagnetici che riproducono il verso della quaglia. Come ben noto, servono a ingannare gli uccelli e ad abbatterli con più facilità e sono del tutto vietati.

Tali richiami vengono lasciati di solito sugli alberi o tra la vegetazione. I militari li hanno trovati nei dintorni di Carmiano, nei pressi di Villa Maresca,  di Leverano, in località Maritati, e verso Copertino, in prossimità di Casino Candeloro. Sono stati tutti sequestrati e sono state spiccate denunce a carico di ignoti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Fuoristrada sospetto: nel doppiofondo della barca mezza tonnellata di droga dall’Albania

  • Psicosi da Covid-19: falso allarme, ma treno bloccato in stazione a Lecce

  • Rapina un uomo per una collana, ma a 100 metri ci sono i carabinieri: presa

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Vende l’auto a una donna, poi pretende altri soldi: militari gli tendono un tranello

Torna su
LeccePrima è in caricamento