Maria, morta sola dopo tre anni di agonia: gara di solidarietà per seppellirla

Rumena, 52enne, era da oltre un mese in una cella frigorifera. Ma don Riccardo Personè sui social ha toccato i cuori di tanti

Il cimitero di Lecce e, sotto, una foto di don Riccardo.

*** Nota. Articolo in aggiornamento. Le amministrazioni comunali di Nardò e Lecce hanno deciso di dividersi le spese per il funerela della donna***

LECCE – Maria non c’è più dal 13 dicembre del 2017. Da allora, il suo corpo giace in una cella frigorifera della camera mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. E’ passato il Natale, un nuovo anno si è affacciato sul mondo, sta per concludersi anche gennaio, ma le sue spoglie sono ancora lì. Ancora per poco, però.

Silenziosa s’è spenta, dopo due anni e nove mesi in stato vegetativo, senza nemmeno il conforto (che sarebbe stato, certo, purtroppo solo ideale) della vicinanza di un congiunto. E nel silenzio sarebbe rimasta lì, in quella tomba glaciale di un reparto asettico, per chissà quanto tempo ancora, se Don Riccardo Personè non avesse sfiorato le corde del cuore di tanti, con un semplice post su Facebook.

“Quanta gente muore nell’indifferenza, nella solitudine. Eppure, quanta solidarietà e amore c’è nel mondo. Deve solo essere canalizzato bene”, ci dice, per telefono. Don Riccardo, insegnante di religione a Copertino, cappellano del distretto socio sanitario di Nardò (ex ospedale “Sambiasi”) e del monastero di Santa Chiara, a Lecce, è rimasto colpito dalla tragica sorte di Maria, una donna 52enne rumena, fin dal giorno in cui è arrivata già priva di conoscenza nel reparto di lungodegenza di Nardò.

Non è il caso, qui, ora, di investigare sui motivi per cui è giunta quasi tre anni or sono in drammatiche condizioni nel reparto. E’ un’altra triste vicenda sulla quale è giusto che cali un velo di oblio in segno di rispetto. Sta di fatto che un giorno è finita in un letto d’ospedale e che gli stessi medici e infermieri, da allora, l’hanno sempre trattata con la premura che si nutre per i bambini. Quanta tenerezza faceva quella donna, sola al mondo.

Purtroppo, negli ultimi tempi la situazione si è aggravata a tal punto da necessitare di un trasferimento al “Vito Fazzi”. Ma qui, il cuore di Maria ha smesso di battere. Lei non è mai stata consapevole che intorno vi fosse un microcosmo preoccupato per le sue sorti. Si è addormentata senza mai vedere il volto di don Riccardo, né di nessun altro. Ma don Riccardo, che il suo volto ha visto e vegliato per anni, non potrà mai scordarlo e così ha lanciato in questi giorni un appello accolto non solo dalla cerchia di suoi conoscenti, dal direttore del distretto socio sanitario e dagli operatori che l’hanno avuta in cura, ma anche da tanti estranei. Già, perché la macchina burocratica, in certi casi, è farraginosa fino a incepparsi. Va in tilt. E così, per smuovere le acque, ci vuole la buona volontà dei privati.  

18670935_10211416527923368_2904471710473438607_n-2La sua richiesta è diventata così una vera e propria gara di contributi volontari che ha permesso, in tempo record, di raggiungere la cifra occorrente per dare a Maria una sepoltura, ma anche una cornice, degna di questo nome . “Mi ha colpito – commenta, ancora, per telefono, don Riccardo, con sincera commozione – il fatto che tanti ragazzi universitari che non conosco abbiano deciso di venire al funerale. Toccando alcune corde emerge sempre il meglio dell’umanità”. Perché, è proprio vero. A volte l’indifferenza è solo figlia della scarsa conoscenza su circostanze e vite che ci circondano. Persone che passano in mezzo a noi come fossero fantasmi.    

Per molto tempo non si è riusciti a sapere nemmeno se vi fosse un marito, un fratello, una sorella, un figlio. Don Riccardo non s’è perso d’animo e ha iniziato a indagare con discrezione. “Solo recentemente, con notevole sforzo – ha scritto su Facebook - sono riuscito a contattare il marito, tramite una parente che lavora nel Nord Italia e il figlio che vive in Inghilterra. Da quello che ho capito si tratta di persone molto povere e, tuttavia, il giudizio non spetta né a me né a nessuno altro”. Per ora, quel che resta di una famiglia disgregata, ha potuto solo ringraziare per quanta vicinanza. Fra una decina d’anni, le ossa probabilmente riusciranno a tornare in Romania.  

Quanto al funerale, si terrà mercoledì 24 gennaio, alle 11, presso la camera mortuaria del “Vito Fazzi”. Poi, le spoglie raggiungeranno il cimitero di Lecce. E don Riccardo non sarà solo. Vi saranno accanto molti fra coloro che hanno contribuito con un piccolo obolo o che hanno solo sentito di questa storia, magari in ritardo, quando ormai il denaro era stato raccolto, e che comunque intendono partecipare per spirito cristiano o per puro senso del giusto. E Maria, da lassù, forse starà guardando tutte queste persone che non ha mai conosciuto, trovando finalmente la pace che merita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento