Trasportava oltre 9 chili di marijuana nel bagagliaio, fermato dai finanzieri

Un gallipolino arrestato dalla compagnia di Ostuni. L'hanno bloccato per un controllo. Tradito dal nervosismo, la scoperta

OSTUNI - Antonello Sarto Galizia, 42enne di Gallipoli, è stato arrestato sabato scorso dai militari della guardia di finanza della compagnia di Ostuni. Trasportava 9 chili e 100 grammi di marijuana. L’uomo è stato fermato per un controllo all’altezza di località Specchiolla, in zona di Carovigno, sulla strada statale 379, mentre era alla guida di una Renault Clio.

E’ stato il forte nervosismo a tradire Galizia, spingendo così i militari ad approfondire gli accertamenti e rilevando, grazie all’ausilio delle banche dati in uso alle forze dell’ordine, che risultava gravato da precedenti di polizia specifici nel settore degli stupefacenti. Dopo questi riscontri preliminari, i finanzieri hanno deciso di ispezionare l’auto. Scoprendo nel bagagliaio due grossi involucri contenenti la marijuana.

La sostanza stupefacente è stata sequestrata, con la Clio e il denaro contante ritrovato nel corso della perquisizione, pari a 500 euro. Resta da ricostruire l’esatta filiera. Per conto di chi Galizia stava trasportando la sostanza, rientrando in direzione della provincia di Lecce? Quale la destinazione finale?  

Sulla base delle responsabilità accertate, il 42enne è stato successivamente trasportato dai finanzieri presso la casa circondariale di Brindisi. L’uomo è difeso dall’avvocato Angelo Ninni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Tallonano la Punto, poi il colpo di pistola per far scendere la vittima

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Paura sulla statale: perde il controllo e si schianta contro guardrail e albero

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

Torna su
LeccePrima è in caricamento