Superano il posto di blocco: inseguiti e in arresto. Fuggiti perché senza assicurazione

Due 21enni fermati dai carabinieri della compagnia di Maglie e posti ai domiciliari per resistenza a pubblico ufficiale. Sulla Martano-Otranto, di notte, prima non si sono fermati all'alt per un normale controllo e poi hanno pure scansato il successivo posto di blocco. N'è nato un pericoloso inseguimento

MARTANO – Ventunt’anni e l’ebbrezza di una corsa su una scattante Alfa Romeo Giulietta. Giuseppe Angelino di Giurdignano e Christian Stomeo di Martano, amici, coetanei e già noti alle forze dell’ordine, non avevano fatto i conti con i carabinieri, per nulla intenzionati a lasciarseli sfuggire quando sono sfrecciati una prima volta senza fermarsi all’alt e una seconda dopo aver persino forzato un posto di blocco predisposto proprio per tentare di placcarli, con manovre azzardate, mettendo a rischio la loro pelle e quella degli altri.

Ovviamente, i militari non sapevano che a bordo vi fossero due giovanotti spaventati per le conseguenze di non avere l’assicurazione in ordine. Abituati a tallonare fior di bande di ladri e rapinatori ormai quasi ogni giorno, avranno immaginato in quel momento di aver intercettato dei pericolosi malviventi, magari spacciatori. E invece, niente armi in auto e nemmeno un grammo di erba. Tutto questo “disturbo” per il tagliando obbligatorio, assente.

E’ vero, se si fossero fermati subito, la Giulietta guidata da Angelino sarebbe comunque stata posta sotto fermo amministrativo, ma quantomeno lui e il suo amico si sarebbero risparmiati un’incriminazione per resistenza a pubblico ufficiale, con tanto di arresto ai domiciliari.

ANGELINO Giuseppe-2Tutto è avvenuto ieri pomeriggio lungo la provinciale 48 Martano-Otranto, peraltro una strada impegnativa, spesso teatro di incidenti. Questione che ha reso ancor più pericoloso l’inseguimento. Quando all’altezza dell’area di servizio di via Castrignano i due si sono imbattuti in un normale posto di controllo dei carabinieri, invece di accostare all’alt per una verifica di routine ai documenti di guida, l’auto ha accelerato all’improvviso.

STOMEO CHRISTIAN-3I carabinieri si sono messi subito alle loro calcagna, chiamando rinforzi. Tre, alla fine, le autovetture impiegate, una della stazione di Martano, l’altra di Otranto e l’ultima dell’aliquota radiomobile di Maglie. Nel frattempo un’altra pattuglia di Otranto è stata chiamata a creare un posto di blocco, ma l’Alfa, con pericolose manovre e rischiando anche di travolgere i carabinieri, è riuscita a superare l’ostacolo.

Le altre vetture, però, erano sempre alle calcagna e, ormai alle strette, all’altezza di Giurdignano, Angelino e Stomeo hanno deciso di abbandonare la Giulietta per fuggire nelle campagne. Tutto inutile: sono stati bloccati in piena fuga. Controllando nell’abitacolo, i militari hanno poi scoperto quello che si può ritenere il motivo della fuga spericolata. Ma il sequestro amministrativo dell’auto è il problema minore. Sentito il pm di turno, Maria Vallefuoco, i due sono stati tratti in arresto. 

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • Come annaffiare le piante quando sei in vacanza

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Boato in piazza, esplode una bombola da sub: auto sventrata

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

Torna su
LeccePrima è in caricamento