Materiale pedopornografico, ex maestro elementare espierà oltre tre anni

Si trova ai domiciliari, su ordine del Tribunale di sorveglianza, l'uomo di Trepuzzi che fu arrestato nel giugno del 2015

TREPUZZI – Nel 2015 fu trovato con quasi mille fra supporti multimediali quali cd, dvd e hard disk, contenenti materiale pedopornografico. Tale la mole, che proprio per l’aggravante dell’ingente quantità, era stato condannato a tre anni e quattro mesi. Ora, la pena è diventata esecutiva. Ed è stato posto agli arresti domiciliari per espiarla. A notificargli l’arresto, emesso dal Tribunale sorveglianza, i carabinieri della stazione di Trepuzzi, il paese in cui risiede.

Al centro di tutto, Antonio Vincenzo Perrone, 62enne. E la questione che rende il tutto ancor più sconcertante è che all’epoca l’uomo era maestro di scuola elementare. A incastrarlo, nel giugno del 2015, furono gli agenti di polizia postale nel corso di un’inchiesta partita da Roma e ramificatasi in tutta Italia.

A Perrone fu contestata fin da subito la detenzione di materiale pedopornografico, ma non la divulgazione, reato più grave. Ovvero, avrebbe accumulato i file, contenenti immagini indicibili, senza però distribuire a sua volta. Trentasei, in tutta la nazione, furono le perquisizioni a carico di altrettanti indagati. Furono identificati attraverso il download di alcune file civetta o tramite determinate ricerche nei programmi di file-sharing.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Che schifo!!! È uno dei tanti "Malati incurabili"...

Notizie di oggi

  • settimana

    L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Cronaca

    Morte sospetta di un detenuto salentino in Calabria: parte l’inchiesta. Due indagati

  • settimana

    A Lecce il numero uno della Tutela ambiente: riflettori su smaltimento dei pannelli e infiltrazioni mafiose

  • Politica

    Affaire xylella, Lezzi convoca sindaci e associazioni. Piconese: "Si è svegliata"

I più letti della settimana

  • Muore dopo aver messo al mondo il bimbo, aperta inchiesta per omicidio colposo

  • Li fanno accostare per un controllo e spuntano oltre 2 chili di marijuana

  • Ricerche lampo dopo la rapina nel discount: presi durante l’inseguimento

  • Trenta bombe a mano sulla spiaggia: scoperta casuale dopo la mareggiata

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Misterioso rogo nel negozio di attrezzature per party: fiamme devastano il locale

Torna su
LeccePrima è in caricamento