Si tuffa dagli scogli, un altro subito dopo di lui: colpito, tragedia sfiorata

E'successo a Torre Sant'Andrea, fra centinaia di persone in una zona molto pericolosa. Difficili i soccorsi del 118. In ospedale un 19enne residente a Milano

Foto di repertorio.

TORRE SANT’ANDREA – Un tuffo dove la natura ha disegnato uno strapiombo, forse una decina di metri, per dimostrare a se stessi e agli amici di avere fegato. Il problema è se, dietro, qualcun altro animato dallo stesso intento, sbaglia i tempi e si lancia in acqua solo qualche secondo dopo. Finendo addosso al primo, che nel frattempo sta riemergendo dal fondale. Rischiando così, in un istante, di spezzare la propria e l’altrui vita.

Questa volta è andata bene. Il destino ha voluto così. Ma per interminabili minuti si è temuto il peggio quando un ragazzo di 19 anni di origine rumena, residente a Milano, in viaggio nel Salento con un gruppo di altri amici lombardi (i più, del Bresciano), appena tuffatosi dalla scogliera, è stato colpito da un secondo        , temerario, giovane dal salto facile. L’impatto deve essere stato piuttosto violento, perché il malcapitato ha avvertito subito dolori. Poi, ha perso anche i sensi.

E’ successo in tarda mattina sulla scogliera di Torre Sant’Andrea, dove la mappa segna la fine del territorio di Melendugno e l’inizio di quello di Otranto. Sant’Andrea è uno dei luoghi più attraenti della costa adriatica salentina, fra ripide scogliere, faraglioni, grotte, la spiaggetta che si apre inattesa in una piccola insenatura, i racconti dei pescatori e le antiche leggende sui contrabbandieri. Ma è anche uno dei più pericolosi. La falesia è friabile come biscotto, si sta sgretolando, diverse aree sarebbero pure interdette, come accade per Grotta della Poesia. Ma, proprio come per la Poesia, il passaggio a piedi avviene comunque, saltando staccionate e avventurandosi in tortuosi e, teoricamente, inaccessibili sentieri. Come resistere al fascino, per esempio, di un luogo quale Grotta del Canale?

Bisogna, perché i rischi sono tanti, troppi. E chi è deputato a soccorrere, è a sua volta costretto ad affrontare scogli bagnati e ripide discese, pur di raggiungere il luogo di un incidente. Quello che è accaduto ai tre operatori del 118 della postazione di San Foca che, attorno alle 11,30, sono stati chiamati a intervenire in zona. Saltando fra una crepa e l’altra, aggrappandosi con le mani per non scivolare, sono riusciti a ridiscendere un punto molto pericoloso, raggiungendo il giovane. Che nel frattempo era stato riportato sugli scogli dagli amici.

I primi segnali non erano fra i migliori. Prima la sincope, poi le gambe: non le avvertiva, per il contraccolpo. Almeno, all’inizio. Nella ripresa, ci si è accorti che il problema principale era la spalla sinistra, molto dolorante. Chi si è tuffato dopo – un ragazzo non compiutamente identificato, che ha rifiutato il soccorso, allontanandosi -, deve averlo colpito proprio in quel punto. Qualche centimetro oltre, finendo sulla testa, e forse si starebbe commentando altro.

E pensare che per il 19enne era il primo giorno di vacanza, nel Salento. Ha fatto giusto in tempo ad ammirare qualche bellezza naturale e a riempirsi le narici di salmastro. Alcuni amici della comitiva del ferito hanno anche aiutato i soccorritori a risalire la scogliera. Poi, il volo verso il pronto soccorso dell’ospedale di Scorrano per accertamenti. Vi è arrivato in codice giallo. Ed è stato successivamente dimesso. Meglio di così non sarebbe potuta andare, altri ci hanno rimesso la vita o le gambe, per una bravata, un errore, un incidente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E, intanto, del caso è stato avvisato anche l’ufficio circondariale marittimo di Otranto, che ha inviato una motovedetta. L’unico modo per verificare in maniera rapida cosa stessa accadendo in zona. E il guaio è che, nonostante tutto, appollaiati sulla scogliera erano in centinaia, molti dei quali pare che abbiano continuato a tuffarsi in mare persino durante la fase dei soccorsi. La speranza è che non accada una tragedia, oggi solo sfiorata. Se ne sono vissute già troppe, negli ultimi anni.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovato senza vita il corpo del sub: si era immerso per una battuta di pesca

  • Incidente sul lavoro, muore a 35 anni schiacciato da una macchina saldatrice

  • Con una molletta da bucato si "liberava" della droga: scoperto e arrestato

  • Cerca di riparare l’antenna in casa dei suoceri, poi precipita dal tetto: muore un 60enne

  • In primavera tornano le formiche: come combattere l'invasione in casa

  • Fermato per strada trema davanti ai carabinieri. In casa aveva marijuana

Torna su
LeccePrima è in caricamento