Mette in vendita la casa già ipotecata e pignorata, condannato per truffa

L'ignara acquirente ha versato una caparra di 29mila euro. Dalla sua denuncia l'inchiesta e il processo che hanno portato alla condanna

LECCE – L’acquisto di una casa è sempre un passo importante nella vita di ognuno, un impegno che può nascondere insidie e l’amara sorpresa di essere vittima di una truffa. Come nel caso di una donna che, dopo aver sottoscritto due contratti preliminari per l’acquisto di un immobile, versando un anticipo di 29mila euro, ha scoperto che sullo stesso gravava una ipoteca giudiziale, un pignoramento e che non era conforme in ambito urbanistico. Acquisto che, ovviamente, non si è mai concluso.

Dalla denuncia della vittima è scaturita un’indagine che ha portato al rinvio a giudizio del venditore, Antonio Bisconti, condannato in primo grado a un anno e quattro mesi per truffa aggravata. La sentenza è stata emessa dal giudice Sergio Tosi, che ha disposto nei confronti dell’acquirente, che si è costituita parte civile con l’avvocato Massimo Bellini, una provvisionale di circa 31mila euro. Bisconti è assistito dall’avvocato Francesca Conte.

Nelle motivazioni della sentenza il giudice ha sottolineato di aver negato all’imputato le attenuanti generiche in virtù dei numerosi precedenti, oltre alla gravità del reato, con una truffa reiterata nel tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Allerta arancione per maltempo anche nel Salento. Scuole chiuse in diversi comuni

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento