Minacce e violenze nell'ex Cpt, nuova condanna per don Cesare

Confermata in appello la condanna, a 5 anni e quattro mesi, per don Cesare Lodeserto, ex direttore del "Regina Pacis". Si tratta del processo in cui il sacerdote è imputato per calunnia, violenza, minacce ed estorsione

Il centro Regina Pacis.

 

LECCE – Confermate in appello le condanne, già emesse in primo grado, per don Cesare Lodeserto, direttore dell’ex Cpt “Regina Pacis” di San Foca fino al marzo del 2005, data del suo arresto. Si tratta, in particolare, del processo d’appello in cui il sacerdote è imputato con altre due persone (Giuseppe Lodeserto e Natalia Vieru) per i reati di calunnia, violenza, minacce ed estorsione nei confronti di alcune donne rumene e moldave, già ospiti del Centro. Nell’ambito della stessa inchiesta, l’undici marzo del 2005, Cesare Lodeserto fu arrestato a Mantova con l’accusa di violenza privata e sequestro di persona. Il processo di primo grado, celebrato con rito abbreviato, si è concluso il 26 settembre 2007 con una condanna a 5 anni e 4 mesi e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Per gli altri due imputati, Giuseppe Lodeserto e Natalia Vieru, le pene sono di 3 anni e 2 mesi e2 anni e 8 mesi. Lo stesso procuratore generale, Giuseppe Vignola, aveva chiesto la conferma delle condanne. L asentenza è stata emessa in serata dai giudici della Corte d'appello: Vincenzo Scardia, Eva Toscani e Cinzia Vergine.

Nel clima di terrore che, secondo i testimoni e le parti offese si respirava all'interno del centro, chiunque osava opporsi andava colpito. E' il caso del dottor Refolo, uno dei medici in servizio al Cpt, pronto a testimoniare sulle presunte colpe di don Cesare, che avrebbe cercato pertanto di convincere un'ospite della struttura, Valeria Campeanu, con cui il medico aveva una relazione, ad accusare il suo compagno di violenza sessuale. Un'accusa da cui l'ex direttore è stato assolto perché il fatto non sussiste.

Don Cesare Lodeserto in tribunale-4Condannato invece, nell'ambito della stessa vicenda, Armando Mara, uno degli uomini di fiducia di don Cesare, che avrebbe minacciato il dottor Refolo dicendogli: “Te la facciamo pagare, noi ti diamo fuoco alla casa”. Vi è poi la condanna per calunnia nei confronti dell'ufficiale dei carabinieri Elio Dell'Anna, falsamente accusato dal sacerdote, per il gup, di concussione. Accuse che don Cesare avrebbe riferito all'allora comandante provinciale Luigi Robusto.

Uno degli aspetti principali della vicenda giudiziaria riguarda “il rapporto di lavoro a nero delle ospiti con il mobilificio Soft Style di Pino Quarta a Novoli”. Un lavoro spesso estenuante per otto o nove ore al giorno, dal lunedì al sabato, per cui le immigrate ricevevano un compenso giornaliero di 25 euro. Per chi si ribellava o si rifiutava di recarsi al lavoro, magari perché non in condizione di farlo, scattavano le minacce e le offese, fino ad arrivare ad impedire di uscire da Regina Pacis, anche per lunghi periodi, sequestrando i passaporti e stracciando i permessi di soggiorno.

Difficilmente, però, il sacerdote potrà scontare la pena (qualora divenga definitiva): dal 2007, infatti, vive in Moldavia, dove ha ottenuto la cittadinanza “per meriti straordinari acquisiti nel settore sociale” ed è stato nominato vicario della diocesi di Chişinăuè.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Ora il prete si trova impegnato in Moldavia in un centro simile al Regina Pacis, per il recupero delle donne, vittime del racket della prostituzione che ha fruito di un contributo " a fondo perduto", cioè senza rendicontazione, elargito exytamoenia dalla Provincia di Lecce, che fu oggetto non solo di un esposto da parte dello scrivente ma anche di una mozione, presentata da un consigliere comunale di Rifondazione, prof. Margarito, che avrebbe impallinato soprattuto l'assessore competente del suo stesso partito, Luigi Calò. Ma la relativa delibera fu regolarmente ratificata dal Consiglio Provinciale per la soddisfazione del Presidente del tempo, ex-senatore Giovanni Pellegrino, grande, dichiarato estimatore del vescovo, Francesco Ruppi, per il quale anche per queste vicende tarda la decisione delle supreme gerarchie ecclesiastiche ad ospitare, ormai defunto, nel Duomo la sua salma. Si fosse trattato di una intestazione di struttura pubblica italiana, veloce sarebbe stata la decisione dei politici nostrani! All'epoca del primo arresto del suo braccio destro, don Cesare Lodeserto, i maggiori esponenti politici da D'Alema alla PoliBortone si recarono dal metropolita per esprimergli solidarietà. Ma i magistrati leccesi hanno tenuto duro, dopo acclarati, inconfutabili accertamenti hanno giustamente bollato le malefatte del prelato, anche se i suoi difensori sperano ancora un' attenuazione delle pene con l'ulteriore esame in Cassazione. Ma proprio sulla cassa dei fondi ministeriali definitivi restano i giudizi di responsabilità emessi dalla Corte dei Conti...risulta ancora silenziato l'importo da restituire, ingiunto al condannato. Ne verranno fuori, di cassa in cassa zione tagli anche alle condanne...e alla restituzione?

  • Se scrivessi cosa penso realmente di questo soggetto (mio prof di religione), il commento non verrebbe pubblicato. Fa rabbia il fatto che non si farà un solo giorno di galera. Che tristezza.

  • C'è gente che x aver accusato questo signore si è fatta 2 ANNI di carcere preventivo e si è rovinata la vita!! Come dimenticare le messa di buon auspicio alla sua partenza presenziata da tutto il mondo politico salentino. UNA DELLE PAGINE PIÙ VERGOGNOSE DELLA STORIA DEL SALENTO

  • quando arriverà a un tot di condanne scatterà il bonus e finalemte chiuderanno la porta del carcere per questo aguzzino.....

  • Se era un ladro di galline o un coltivatore di maria ... marciva già in galera prima di essere condannato.

    • Invece è un ladro di vite umane x conto dei potenti... ...ricordate la messa di buon auspicio alla sua partenza cn la Poli Bortone,Fitto ecc...

    • daccordo con te Pippi Moro

Notizie di oggi

  • settimana

    L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Cronaca

    Morte sospetta di un detenuto salentino in Calabria: parte l’inchiesta. Due indagati

  • settimana

    A Lecce il numero uno della Tutela ambiente: riflettori su smaltimento dei pannelli e infiltrazioni mafiose

  • Casarano

    Raid incendiario a Casarano: in fiamme l’auto di un consulente

I più letti della settimana

  • Muore dopo aver messo al mondo il bimbo, aperta inchiesta per omicidio colposo

  • Li fanno accostare per un controllo e spuntano oltre 2 chili di marijuana

  • Ricerche lampo dopo la rapina nel discount: presi durante l’inseguimento

  • Trenta bombe a mano sulla spiaggia: scoperta casuale dopo la mareggiata

  • L’autopsia sulla giovane mamma: fatale una rara forma di embolia

  • Misterioso rogo nel negozio di attrezzature per party: fiamme devastano il locale

Torna su
LeccePrima è in caricamento