“Ti bucherò la fronte con la pistola”. Nuove minacce alla madre, preso 20enne

Indagato nei giorni scorsi per maltrattamenti, ha continuato a vessare la donna 46enne. Il ragazzo leccese trasferito in carcere

Foto di repertorio.

LECCE – Minaccia e maltratta la madre a distanza di pochi giorni. Arrestato dalla polizia un 20enne. Nella tarda serata di ieri, gli agenti delle volanti sono infatti intervenuti per una segnalazione di lite in famiglia. All’arrivo sul posto, i poliziotti  hanno udito provenire dall’interno dell’appartamento delle urla di un uomo che pronunciava frasi offensive in dialetto leccese. Inoltre, rumori di calci contro oggetti e porte hanno accelerato l’intervento in casa dei poliziotti.

Dopo aver suonato, sono stati accolti da un noto pregiudicato che, alla vista della polizia, ha inveito contro gli agenti, minacciandoli ed invitandoli ad andarsene. Al contempo,   in casa, la presenza di una donna, successivamente identificata per la madre 46enne del ragazzo, particolarmente spaventata.

Nonostante la presenza della polizia, il ragazzo ha continuato ad inveire contro la madre con offese e minacce: se fosse andato in carcere, una volta uscito le avrebbe “bucato la fronte” con una pistola. Il soggetto in questione, solo pochi giorni fa, era stato indagato per maltrattamenti in famiglia. Attesa la sua pericolosità e la recidiva nel comportamento, il 20enne è stato tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia, minacce gravi e minacce a pubblico ufficiale e condotto in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento