Minore violentato e filmato: cinque ragazzi indagati

I fatti sarebbero avvenuti nell'hinterland di Lecce e due dei giovani finiti sotto accusa per le sevizie sessuali ad un 13enne non hanno ancora compiuto la maggiore età. Sotto sequestro due cellulari

tribunale_lecce-17
Un incubo ad occhi aperti. Da rimanere impietriti, per la brutalità. L'ennesimo caso, in cui l'occhio cinico e spietato di un videofonino riprende crude sevizie per poi diventare agghiacciante oggetto di culto fra gruppetti di giovanissimi con ben pochi rimorsi. Risatine alle spalle di un ragazzino torturato, fisicamente e psicologicamente. Gravissime le ipotesi di reato a carico di cinque ragazzi di un paese dell'hinterland leccese, due dei quali ancora minorenni: violenza sessuale ai danni di un minore e violenza privata. La notizia è stata data in anteprima dall'emittente privata TeleRama. Gli elementi, a partire proprio da quel video e da due telefonini posti sotto sequestro, sono al vaglio della Procura della Repubblica di Lecce e della Procura dei minori. Per ora c'è massimo riserbo sul comune dove i fatti si sarebbero verificati, ma si tratterebbe comunque di una delle tante cittadine alle porte del capoluogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
I fatti risalgono a circa un anno fa, quando i cinque ragazzi indagati (ma altri nomi potrebbero spuntare fuori nel proseguimento delle indagini) avrebbero condotto con la forza il minorenne nella villa comunale del paese, denudandolo per poi impartirgli veri e propri abusi sessuali. Il tutto, ripreso dal videofonino e memorizzato in un video che ha iniziato a fare il giro di altri dispositivi mobili. E come spesso accade in questi casi, quando troppi occhi vedono, i fatti alla fine emergono. La storia non si discosta molto da un'altra vicenda, denunciata di recente a Surano (http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=3722) con protagonista questa volta una 14enne. Sintomo, decisamente negativo, che esiste una vera e propria sottocultura che potrebbe essere ben più diffusa e radicata di quanto si creda anche nel Salento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nulla da fare per l'80enne scomparso: trovato morto nelle campagne

  • Rientrano dal Brasile nel Salento: madre, padre e figlia positivi al Covid

  • Militari in spiaggia: sequestro in un lido, denunciato imprenditore

  • Svolta nel caso Mauro Romano: identificato un uomo, sospetto sequestratore

  • Giorgia e il fidanzato Emanuel Lo: vacanze salentine d’amore

  • Molesta la barista e fugge, ma dopo un’ora ritorna e lo riconoscono

Torna su
LeccePrima è in caricamento