Mistero (meno) buffo sul premio barocco

Sarebbe stato risolto il problema alla base di alcuni intoppi organizzativi, che avevano fatto slittare la conferenza di presentazione. I problemi forse derivanti da questioni con la vecchia gestione

Premio Barocco, tutto fermo? No. In qualche modo sarebbe stato svelato l'arcano. Secondo indiscrezioni, sembra infatti che la Sobarit abbia agito bloccando fondi relativi alla vecchia società per alcuni aspetti irrisolti ed il fatto si sarebbe quindi riverberato sulla nuova, la Barocco Onlus. I problemi riguarderebbero quindi l'agenzia di riscossione crediti e la vecchia gestione, che nulla avrebbe a che vedere con la nuova. Il contenzioso sembrerebbe comunque in fase di risoluzione ed infatti i lavori, in queste ore, stanno procedendo regolarmente: il Premio Barocco si terrà il 5 giugno presso l'area dove un tempo sorgeva lo stadio "Carlo Pranzo", a ridosso della mura antiche.

I "misteri" attorno alla mancata convocazione della conferenza stampa avevano fatto pensare a diversi ragioni e più di qualcuno aveva paventato che fosse il (supposto) buco nel Bilancio comunale la causa di questo forfait inatteso. Dunque, in questo caso il tanto contestato Bilancio comunale non avrebbe responsabilità e, di conseguenza, neanche il Comune.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Molteplici benefici per chi cammina in riva al mare

I più letti della settimana

  • Spaccio di cocaina nella "movida": 13 arresti e quattro locali rischiano la chiusura

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Briatore scatenato su Instagram: “A Gallipoli mandano via gli yacht”

  • Scontro frontale tra due auto: 4 feriti. Coinvolta anche un’autocisterna

  • Scu, droga a fiumi e spari nella notte: in 46 rischiano il processo

Torna su
LeccePrima è in caricamento