Molestò due passanti, rischiando il linciaggio: condannato a tre anni e mezzo

Per lo psichiatra, incaricato di svolgere la perizia, il giovane imputato “era capace di intendere e di volere”. L’episodio “incriminato” è avvenuto lo scorso aprile a Lecce

LECCE - E' stato condannato a tre anni e mezzo di reclusione Roland Kelechi, il 21enne nigeriano accusato di aver molestato due passanti in pieno giorno per le strade di Lecce. Lo ha stabilito il giudice Giulia Proto al termine del processo discusso col rito abbreviato e durante il quale era stata disposta una perizia che accertasse l’eventuale infermità dell’imputato (come richiesto dall’avvocato difensore Diego Cisternino). “Il giovane ha disturbi, ma questi non inficerebbero la sua capacità di intendere e di volere”, sono state in sintesi le conclusioni cui è giunto lo psichiatra Domenico Suma, presentate durante l’udienza di oggi, e che naturalmente hanno pesato sul verdetto.

Il 21enne finì in carcere il 30 aprile scorso, quando gli agenti delle volanti, allertati da numerosi cittadini, lo raggiunsero nel centro storico della città e riuscirono a bloccarlo nonostante le sue resistenze.  Sono due le donne che sarebbero state molestate dall’uomo, una 22enne e una 39enne, una delle quali era parte civile al processo con l’avvocato Giuseppe Minerva e nei riguardi della quale è stato disposto il risarcimento.

L’imputato si è sempre proclamato innocente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pioggia e violente raffiche di vento mettono mezzo Salento in ginocchio

  • Tentato omicidio in una masseria: colpito alla bocca un operaio 27enne

  • Burrasca agita lo Ionio e devasta barche, pontili, maneggio e persino un ristorante

  • "Scuole aperte nonostante l'allerta meteo": Cgil denuncia rischi per alunni e lavoratori

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Precipita dalle mura del centro di Gallipoli: un 30enne in gravi condizioni

Torna su
LeccePrima è in caricamento