Molestò due passanti, rischiando il linciaggio: disposta perizia psichiatrica

Accolta la richiesta di rito abbreviato condizionato da accertamenti sull’infermità nei riguardi di Roland Kelechi, il 21enne nigeriano arrestato per l’episodio avvenuto a Lecce lo scorso aprile

LECCE - Sarà una perizia psichiatrica a stabilire se Roland Kelechi, il 21enne nigeriano fosse capace di intendere e di volere quando molestò due passanti in pieno giorno per le strade di Lecce. Lo ha stabilito il giudice Giulia Proto che, in mattinata, ha accolto la richiesta del difensore, l’avvocato Diego Cisternino, di procedere con il rito abbreviato condizionato proprio dagli accertamenti medici, e ha assegnato l’incarico allo psichiatra Domenico Suma. I risultati dovranno essere svolti entro quaranta giorni e saranno illustrati durante la prossima udienza fissata per il 7 novembre.

Il 21enne è in carcere dal 30 aprile scorso, quando gli agenti delle volanti, allertati da numerosi cittadini, lo raggiunsero nel centro storico della città e riuscirono a bloccarlo nonostante le sue resistenze.  Sono due le donne che sarebbero state molestate dall’uomo, una 22enne e una 39enne, una delle quali oggi si è costituita parte civile.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

  • Carabiniere ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: “Mi sentivo sobrio”

Torna su
LeccePrima è in caricamento