Monitor rubati in Comune e oggetti sacri in chiesa: la polizia ritrova la refurtiva

Gli agenti del commissariato di Nardò hanno eseguito una perquisizione in casa di un 37enne del posto che è stato denunciato per ricettazione

Due agenti con la refurtiva recuperata.

NARDÒ - Aveva nascosto in un'intercapedine ricoperta da un pannello, all'interno di borsoni e sacchi neri per i rifiuti, monitor rubati nell'ufficio tecnico del Comune di Nardò e oggetti trafugati in due diverse circostanze presso la Chiesa della Santa Famiglia, tra cui una fonte battesimale in rame, calici in oro e argento, pissidi, incensiere. 

Gli agenti del commissariato di Nardò hanno recuperato la refurtiva nel corso di una perquisizione nell'abitazione di un 37enne del posto, R.R., che è stato poi denunciato all'autorità giudiziaria per ricettazione.

Gli episodi contestati all'uomo sono tutti recenti: il furto presso l'ufficio tecnico era stato consumato a ferragosto. A distanza di pochi giorni dunque, tutti i monitor sono stati restituiti al responsabile del settore. Gli oggetti sacri sono stati invece consegnati a don Giuseppe Orlando, parroco della chiesa, che, insieme all'amministrazione comunale ha voluto ringraziare la polizia per il lavoro svolto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Mafia, droga e spari all’ombra delle “Vele”, chieste condanne per due secoli e mezzo

Torna su
LeccePrima è in caricamento