Cade in casa: soccorso, scivola in ospedale e muore. Soleto in lutto per un 47enne

Un salentino, a Milano in visita dalla propria compagna, è stato accompagnato in ospedale a seguito di una caduta forse dovuta a un malore. Ma in attesa della Tac, ha battuto con violenza la testa nel bagno del presidio sanitario

Foto di repertorio.

SOLETO – La comunità di Soleto in lutto per la perdita di un concittadino: una morte assurda e davvero dura da mandare giù. Lino Nuzzaci, un uomo di 47 anni, è infatti deceduto a Milano nella giornata di ieri, dopo una vicenda costellata da punti ancora poco chiari. Si trovava nel capoluogo lombardo presso l’abitazione della propria compagna quando, forse a seguito un malore, è scivolato in casa. Nessuna particolare conseguenza o lesione, ma sembrerebbe che quella improvvisa perdita di equilibrio abbia allarmato la coppia, tanto da rivolgersi al 118.

Gli operatori del 118 hanno soccorso il 47enne salentino e, dopo un accertamento in casa, hanno preferito sottoporlo a ulteriori esami, tra cui quello della Tac presso uno dei presidi ospedalieri meneghini. Sempre stando a quanto si apprende in questa prima fase di ricostruzione della drammatica vicenda, sembrerebbe che la vittima, durante l’attesa dell’accertamento clinico o comunque del suo esito, si sia recato nel bagno dell’ospedale dove è scivolato, battendo violentemente la testa sul pavimento. Soccorso anche questa seconda volta e direttamente dal personale sanitario dell’ospedale il 47enne è stato sottoposto a un intervento chirurgico al capo ma non ce l’ha fatta: è spirato davanti agli occhi dei medici, tra la disperazione della sua compagna e dei famigliari a centinaia di chilometri di distanza.

Questi ultimi hanno raggiunto Milano, appresa la tragica notizia, ma della data del rito funebre previsto nei prossimi giorni nel comune grico non vi sono per il momento informazioni precise. La salma del 47enne è stata infatti trattenuta nell’obitorio dell’ospedale milanese, su disposizione dell’autorità giudiziaria. I parenti hanno sporto formale denuncia per avere risposte sull’accaduto. Sarà necessario conferire dunque l’incarico al medico legale affinché esegua l’autopsia sul corpo del povero 47enne, strappato ai suoi cari senza risposte e in circostanze davvero assurde.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si scontra con un'auto e vola dalla bici, grave un 11enne

  • Mistero a Nardò: dopo la cena con marito e figli scompare nel nulla

  • In acqua per fare snorkeling, annega mamma 44enne in vacanza

  • Auto reimmatricolate in Italia con documenti falsi: un salentino nei guai

  • Malore mentre si trova in acqua: riportato a riva, ma ormai senza vita

  • Vento e pioggia, strade trasformate in fiumi. Auto in panne e allagamenti

Torna su
LeccePrima è in caricamento