Multa salata e ripristino dello stato dei luoghi: aveva creato una discarica

Identificata dopo una segnalazione tramite video, una donna è stata sanzionata per 500 euro per aver abbandonato rifiuti

La discarica abusiva a ridosso di via Pergolesi.

LECCE - Individuata a stretto giro di posta, una donna di Lecce è stata sanzionata con una multa da 500 euro per aver abbandonato rifiuti in via Pergolesi, una strada secondaria che corre parallelamente alla provinciale che unisce il capoluogo a Villa Convento e Novoli. 

Nella mattinata di oggi, gli agenti di polizia locale distaccati presso l'ufficio del direttore di esecuzione del contratto, Renato Brunetti, hanno compiuto degli accertamenti risalendo in poco tempo all'identità di chi si era reso responsabile di quel gesto di inciviltà: come emerge già dal video inserito sabato sulla pagina di un gruppo attivo su Facebook (Vivere Lecce), alcune tracce cartacee hanno facilitato l'individuazione.

Per la donna scatta anche l'obbligo di ripristino dei luoghi e del corretto conferimento dei vari materiali, obbligo che dovrà provare di aver adempiuto con fotografie dei sacchi differenziati, del sito ripulito e delle ricevute dello smaltimento. "Viene da chiedersi - ha commentato l'assessora, Angela Valli - come sia possibile che continuino a persistere tali comportamenti incivili, come non si comprenda che le strade, i parchi, le campagne sono beni comuni da rispettare e proteggere e costituiscono il biglietto da visita non solo della nostra città, ma anche e soprattutto dei suoi cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento